Svizzera, 07 ottobre 2021

Funzionario usava i soldi destinati ai rifugiati per pagarsi delle prostitute

Un funzionario dell'amministrazione del canton Vallese ha sottratto 166'000 franchi di fondi pubblici, somma che ha usato principalmente per pagarsi delle prostitute.

Come riportano i media romandi, l'uomo, un ex responsabile amministrativo e contabile dell'Azione sociale vallesana dell'ufficio di accoglienza dei candidati rifugiati nel Vallese centrale ha sottratto 166.500 franchi. Finito sotto processo, il quarantenne dovrebbe essere condannato a 24 mesi di carcere sospesi per quattro anni, poiché l'accusa del procuratore Nicolas Dubuis non è stata contestata.

L'imputato si presenteva oggi giovedì al Tribunale distrettuale di Sion, dove doveva rispondere di abuso di fiducia qualificata e falsificazione di titoli. L'imputato ha ammesso tutti i fatti. "Esprimo il mio più profondo rammarico e offro le mie sincere scuse per il danno causato", ha detto durante l'udienza. "Ora voglio voltare pagina e lasciare che questa sia una lezione per me. Voglio ricominciare da capo. In particolare, voglio trovare un nuovo lavoro".

Tra il 3 luglio e il 23 dicembre 2019, l'uomo si è appropriato di un totale di 80'000 franchi. Un importo che ha cercato di camuffare sotto forma di una registrazione contabile goffamente intitolata "pagamento provvisorio", poco prima della chiusura dei conti del 2019. Da gennaio a settembre 2020, il vallesano ha sottratto altri 86'550 franchi. Nel novembre dello stesso anno, l'uomo è stato licenziato senza preavviso dopo che i suoi pagamenti ripetuti (25 in totale) sono stati scoperti.

Il suo modus operandi era invariabilmente lo stesso: sottraeva denaro da un conto bancario di azione sociale, che era destinato principalmente al pagamento in contanti delle garanzie di affitto per gli alloggi occupati dai rifugiati. Per coprire gli ammanchi, l'uomo avrebbe poi fatto una falsa registrazione contabile.

Guarda anche 

Tifoso dell'Italia condannato per aver festeggiato "troppo" la vittoria nella semifinale degli europei

La vittoria dell'Italia contro la Spagna nella semifinale degli Europei di calcio il 6 luglio scorso ha portato ad una condanna penale a Martigny, nel canton Vallese....
16.10.2021
Svizzera

Accusata di aver finto una gravidanza per farsi pagare 230'000 franchi per abortire

Una donna camerunense si trova sotto processo con l'accusa di aver estorto centinaia di migliaia di franchi in cambio dell'interruzione di una gravidanza con un u...
13.10.2021
Svizzera

Civilista non si presentava a lavoro ma riceveva comunque le indennità, condannato insieme al suo "capo"

Un civilista e il direttore di una casa per anziani del canton Vaud si sono messi d'accordo per fare il modo che il primo incassi le indennità senza nemmeno pr...
12.10.2021
Svizzera

Medico deve risarcire 50'000 franchi per un'operazione andata male

Nel febbraio 2017, una donna si era presentata all'ospedale di Linth (ZH) con forti dolori alla pancia. Le fu diagnosticata una cistifellea infiammata. Poco dopo, &eg...
08.10.2021
Svizzera