Svizzera, 06 ottobre 2021

Processo per aggressione alla moschea di Winterthur, 6 condanne e tre assoluzioni

Al processo d’Appello a nove imputati per un’aggressione avvenuta cinque anni fa nella ex moschea An’Nur di Winterthur (Zh) il Tribunale cantonale di Zurigo ha pronunciato tre assoluzioni e sei pene detentive e pecuniarie sospese. Nella sentenza comunicata oggi la Corte ha inoltre rinunciato a espulsioni dalla Svizzera. Il verdetto può ancora essere impugnato dalle parti.

"I due frequentatori della moschea sono stati molestati e hanno seriamente creduto che non sarebbero stati in grado di lasciare la moschea vivi", ha detto il giudice capo quando ha rilasciato il verdetto.

"Il tribunale distrettuale di Winterthur ha fatto un buon lavoro e noi abbiamo fatto solo modifiche marginali", sottolinea il giudice capo e si chiede se l'appello del pubblico ministero fosse davvero necessario. Secondo la Corte, il processo ha causato spese giudiziarie e di avvocati per un importo di circa 740'000 franchi svizzeri.

Mentre la corte distrettuale di Winterthur aveva ordinato l'espulsione per sette anni in due casi, il Tribunale cantonale vi ha invece rinunciato. I due uomini, un macedone e un afghano, sono stati giudicati come casi di rigore. "I due 25enni hanno frequentato la scuola qui, hanno completato un apprendistato, lavorano e sono integrati", spiega il presidente. Uno di loro non ha condanne precedenti, l'altro ha una condanna precedente per un'infrazione del traffico.

I nove uomini erano accusati di aver minacciato, insultato e picchiato altri due visitatori della moschea di An'Nur, nel distretto di Winterthur di Hegi, il 22 novembre 2016. Hanno accusato i due uomini di essere "traditori e spie" perché avevano fatto trapelare immagini e registrazioni audio della moschea a un giornalista. Il procuratore aveva chiesto pene detentive parziali tra i 30 e i 36 mesi per i cinque svizzeri e i quattro stranieri, e quattro espulsioni.

Sei degli accusati erano stati condannati nell'ottobre 2018 dal tribunale distrettuale di Winterthur a pene detentive condizionate tra i 13 e i 18 mesi per, tra le altre cose, privazione della libertà, coercizione e minacce. In un caso, c'è stata una multa condizionale mentre due accusati sono stati assolti.

Guarda anche 

Il Tribunale federale annulla l'assoluzione di un attivista per il clima che aveva imbrattato una filiale di Credit Suisse

Il Tribunale federale ha annullato l'assoluzione di un attivista per il clima che aveva imbrattato una filiale del Credit Suisse con vernice rossa a Ginevra nell'...
14.10.2021
Svizzera

Fa finta di essere un poliziotto per fare dei controlli stradali, dovrà pagare una multa pesante

È una curiosa sentenza quella emessa negli scorsi giorni dalla giustizia argoviese. Un uomo di 21 anni è stato appena condannato per essersi spacciato per u...
13.10.2021
Svizzera

Accusata di aver finto una gravidanza per farsi pagare 230'000 franchi per abortire

Una donna camerunense si trova sotto processo con l'accusa di aver estorto centinaia di migliaia di franchi in cambio dell'interruzione di una gravidanza con un u...
13.10.2021
Svizzera

Medico deve risarcire 50'000 franchi per un'operazione andata male

Nel febbraio 2017, una donna si era presentata all'ospedale di Linth (ZH) con forti dolori alla pancia. Le fu diagnosticata una cistifellea infiammata. Poco dopo, &eg...
08.10.2021
Svizzera