Svizzera, 02 ottobre 2021

Due medici a processo per un'operazione andata male

Nella primavera del 2017, una donna si è recata al pronto soccros dell'ospedale di San Gallo con forti dolori allo stomaco. I medici le avevano rilevato un'infiammazione alla cistifellea, ciò che ne aveva richiesto la rimozione. Un'operazione comune, ma che questa volta si è conclusa con la morte della paziente. Due medici che hanno seguito la donna, il chirurgo e l'anestesista, si trovano ora sotto processo al tribunale distrettuale di See-Gaster, nel canton San Gallo. Il chirurgo che ha eseguito l'operazione e l'anestesista responsabile di seguire la paziente dopo l'operazione, sono accusati di omicidio colposo.

Come riporta la NZZ, l'autopsia della vittima ha rivelato che diverse graffette, che avrebbero dovuto chiudere l'arteria della cistifellea, si erano aperte e avevano causato la fuoriuscita di quattro litri di sangue. È stata questa emorragia interna a causare la morte del paziente.

Il Ministero pubblico del canton San Gallo ha ritenuto che i due medici abbiano violato il loro dovere di cura. Dopo l'operazione, che è andata bene, la paziente è stata riportata nella sua stanza. Tuttavia, intorno alle 22, la sua pressione sanguigna era scesa "drammaticamente". L'anestesista ha comunque ritenuto che non ci fosse nulla di cui preoccuparsi. L'infermiera di turno quella sera lo aveva contattato più volte per chiedere cosa fare. Solo all'una di notte la donna è stata finalmente ricoverata nel reparto di terapia intensiva, dove
è morta durante la notte.

Il Ministero pubblico ha rimproverato all'anestesista di non aver richiesto un esame del sangue e di non essere andato a vedere la paziente personalmente. Interrogato su questo dai giudici, il medico ha spiegato che doveva andare ad un'altra operazione. "Ho dovuto decidere se operare o restare. Ha anche detto che quel giorno aveva lavorato 16 ore di fila. Sia il suo avvocato che quello che rappresenta la famiglia della vittima hanno chiesto l'assoluzione dell'anestesista. Entrambi gli avvocati credono che l'anestesista abbia violato il suo dovere di cura, ma che molto probabilmente non avrebbe potuto fare nulla per salvare la paziente. Per loro la colpa va data al chirurgo che ha eseguito l'operazione.

Chiamato alla sbarra, il chirurgo ha spiegato che aveva già eseguito questo tipo di operazione più di 500 volte. E anche questa volta, tutto era andato normalmente, ha detto al giudice. "Non so come sia potuto succedere. Secondo lui, non c'è stata alcuna emorragia durante l'operazione e non c'era alcuna indicazione che tale emorragia sarebbe avvenuta in seguito. Infine, ha detto di aver chiuso correttamente l'arteria della cistifellea. L'avvocato della difesa ha sottolineato che né le graffette né la pinzatrice sono state controllate ai fini dell'inchiesta. Inoltre, gli inquirenti non hanno interrogato nessuna delle altre persone presenti al momento dell'operazione. Per questo motivo ha chiesto l'assoluzione del suo cliente.

Guarda anche 

Viene salvato dopo due giorni bloccato in una grotta a 50 metri di profondità

Uno speleologo è rimasto ferito da una roccia a circa 50 metri di profondità nelle Alpi del canton di San Gallo, a un'altitudine di circa 2000 metri....
21.07.2022
Svizzera

Arrestati quattro minorenni che avevano distrutto un parchimetro

Quattro giovani tra i 15 e i 17 anni – tutti di nazionalità siriana – hanno distrutto un parchimetro ieri sera a Wil per impossessarsi delle monete ...
15.07.2022
Svizzera

Condannato al carcere e espulsione per una lista impressionante di reati

Il tribunale penale di Lucerna ha condannato un cittadino spagnolo di 22 anni per un totale di undici capi d'accusa. Fra questi figurano furto, rapina, ingiuria, c...
09.07.2022
Svizzera

Condannato per torture e rapimento dopo essere stato riconosciuto in un centro asilanti

Il tribunale distrettuale di Bülach ha condannato un eritreo di 27 anni a 7 anni e mezzo di carcere per aver partecipato a un brutale rapimento avvenuto nel 2015 ...
08.07.2022
Svizzera