Svizzera, 01 ottobre 2021

Il Parlamento approva il miliardo di coesione all'UE

Dopo il Consiglio degli Stati in mattinata, anche il Consiglio nazionale ha approvato, giovedì sera, il versamento di 1,3 miliardi all'UE, eliminando così le condizioni che ne bloccavano il rilascio. Con 131 voti contro 55, tutti i partiti tranne l'UDC hanno detto di sì. Tutte le proposte per bocciare il progetto sono state respinte. Essendo le due camere d'accordo su tutto, la decisione è quindi finale.

"Abbiamo bisogno di un segnale di riappacificazione tra la Svizzera e l'UE e ha senso fare un gesto costruttivo verso Bruxelles", ha spiegato Eric Nussbaumer (PL/BL) a nome della commissione. "È meglio eliminare questa clausola per poter lanciare un nuovo capitolo nelle nostre relazioni con l'UE", ha aggiunto.

Il consigliere nazionale Roger Köppel (UDC/ZH) ha fortemente criticato il progetto. "L'UE vuole che la Svizzera si sottometta e sta facendo pressione su di essa per ottenere ciò che vuole", ha detto. "Sta facendo pressione tramite Erasmus, Horizon Europe o il rifiuto dell'equivalenza borsistica", ha detto. "Quindi pagheremo coloro che ci stanno ricattando. Ma quando si paga il ricattatore, lui continua il suo gioco", ha tuonato Köppel. "È a causa di questa forma di racket che questo stesso parlamento ha rifiutato il miliardo di coesione alla fine del 2019", ha ricordato, invano. La sua proposta è stata respinta con 133 voti contro 54.

Il suo collega di partito Yves Nidegger (UDC/GE) ha anche presentato un voto di minoranza, ma per pagare invece il denaro all'AVS. "Se la Svizzera paga questo contributo, non ci sarà gioia nel cielo stellato di Bruxelles, perché questo pagamento è erroneamente percepito come un debito. Si tratta di pagare un tributo, proprio come le nazioni sottomesse pagavano un tributo alle nazioni dominanti, ha detto. "Questo non migliorerà le nostre relazioni con l'UE e non aumenterà
il rispetto dato al nostro paese". Anche la sua proposta è stata respinta anche da tutti gli altri partiti. Un'altra richiesta del gruppo UDC di sottoporre il versamento a un referendum facoltativo ha incontrato lo stesso destino.

Tutti gli altri partiti hanno votato a favore del versamento del contributo. "È un piccolo sforzo che permetterà la normalizzazione delle nostre relazioni con l'UE", ha detto Fabien Molina (PS/ZH). "Avremmo dovuto pagare questo contributo molto tempo fa ed è troppo modesto", ha aggiunto. "La situazione si sta deteriorando in molti settori. I Verdi vogliono limitare il più possibile i danni", ha detto Nicolas Walder (Verdi/GE), sottolineando che la Svizzera pagherebbe molto meno dei paesi SEE come la Norvegia. Walder ha anche criticato il Consiglio federale per aver interrotto i negoziati senza l'approvazione del Parlamento.

Questo punto è stato sollevato anche dai Verdi. "Siamo convinti che sia stato un errore e che questa strategia sia disastrosamente dannosa per la Svizzera", ha detto Roland Fischer di Lucerna. "La Svizzera deve ora ridefinire la sua posizione con l'UE e deve essere chiarita il più rapidamente possibile", ha detto, ricordando che il nostro paese è quello che ha beneficiato di più del mercato interno europeo. "È giusto che il nostro paese dia il suo contributo".

Da parte sua, il consigliere federale Ignazio Cassis ha detto che lo sblocco fa parte dell'agenda politica del governo dell'UE. "L'obiettivo non è cambiato. Vogliamo relazioni stabili con l'UE, basate sulla via bilaterale", ha detto il capo del Dipartimento degli Affari Esteri. Ha spiegato la sua strategia in tre punti: primo, stabilizzare questo percorso bilaterale attraverso il miliardo di coesione, secondo, chiarire il futuro che la Svizzera vuole con l'UE e terzo, attuare le decisioni prese in questo modo.

Guarda anche 

Il Lugano si inchina: ora servirebbe l’impresa

LUGANO - 20 anni di attesa per 90’ senza vere occasioni da rete (e 2 gol subiti). Potremmo sintetizzare così quanto visto ieri sera a Cornaredo dove il Lugan...
05.08.2022
Sport

Breaking Bad: ad Albuquerque le statute a Walter White e Jesse Pinkman

ALBUQUERQUE (USA) – Portata al massimo della popolarità dalla serie tv ‘Breaking Bad’, ora Albuquerque potrà fregiarsi di due statue dedic...
02.08.2022
Magazine

“Noi squadra materasso? Sapremo smentire tutti”

WINTERTHUR - Bruno Berner, l’allenatore del neopromosso Winterthur in Super League, non sta più nella pelle. Vogliamo dimostrare a tutti co...
27.07.2022
Sport

Granata, buona la prima! Battuto il favorito Losanna

BELLINZONA - Esordio migliore, al ritorno in Challenge League, non poteva esserci per il Bellinzona (che qualcuno Oltrealpe vorrebbe ultimo in classifica a fine stagione)...
17.07.2022
Sport