Sport, 26 settembre 2021

Tra calci(o) e pugni urge il pugno duro: il parere dei nostri lettori

Superiorità schiacciante nel risultato del nostro sondaggio per la squalifica a vita per i responsabili di quanto avvenuto tra Semine e Locarno

LUGANO – Quanto avvenuto una settima fa sul campo di Bellinzona tra Semine e Locarno, ha lasciato un po’ tutti a bocca aperta, ma fino a un certo punto: purtroppo, e sottolineiamo purtroppo, questi non sono fatti del tutto estranei al mondo del calcio, neanche alle nostre latitudini. Ovviamente questa volta il tutto è avvenuto sotto l’obiettivo della telecamera di qualche smartphone e le immagini, come ovvio che sia, hanno fatto il giro del web.
 
Tutti hanno detto la loro, stigmatizzando quando avvenuto. A partire dai protagonisti di quelle brutte scene che si sono subito scusati. Le società, dal canto loro, hanno preso le distanze da quegli atti, mettendosi a disposizione della Federazione che, dopo aver bloccato le partite dei due club per le prossime settimane, è in attesa dei risultati dell’inchiesta dell’avvocato Andrea Rotanzi per poi prendere carta e penna e sancire le proprie sanzioni. Sanzioni che per la cronaca, non saranno affatto leggere.
 
Così come vorrebbe ben il 77,7% dei votanti al nostro sondaggio che vi abbiamo sottoposto nei giorni scorsi: ben il 62.8% di questa “fetta di torta” (il 48.8% del totale) vorrebbe che la Federazione infliggesse una squalifica a vita ai responsabili, il 37,2% (il 29.9% del totale) invece chiede una squalifica di un anno per permettere ai ragazzi di ragionarci su.
 
Il restante 22,3% dei votanti, invece, vorrebbe andare più sul profondo: vorrebbe che si intervenisse, cercando però di capire da dove nascono questi atteggiamenti.
 
Ognuno, a suo modo, ha pienamente ragione…

Guarda anche 

Festa Lugano, Ticino in trionfo: il Crus nella storia

BERNA – “Ci credevo dallo scorso 2 settembre. Questo era l’obiettivo”. Parole e musica di Mattia Croci-Torti che ha così commentato ieri la...
16.05.2022
Sport

Lugano, è tutto vero! La Coppa Svizzera è tua!

BERNA – Era il sogno, neanche tanto nascosto, degli ultimi due mesi. Era l’obiettivo che il Lugano, i suoi tifosi e tutto il Canton Ticino avevano messo nel m...
15.05.2022
Sport

ACB raggiunto nei recuperi: la promozione è andata?

BELLINZONA - Adesso si fa davvero dura: il Bellinzona deve accontentarsi del pareggio sul campo della capolista Breitenrain (1-1) e vede così allontanarsi la ...
16.05.2022
Sport

“I nostri anni meravigliosi Malfanti il trascinatore”

LUGANO - Adriano Coduri ha quasi 85 anni e sente gli acciacchi della vita anche se non se ne cura troppo. Risiede sempre a Rancate, il paese in cui è cre...
15.05.2022
Sport