Sport, 15 settembre 2021

La Svizzera ringrazia l’YB… e quel rinvio col Lugano ora fa meno discutere

La vittoria dei gialloneri ieri sera contro lo United, oltre che storica, fa benissimo al ranking elvetico

BERNA – Battere Cristiano Ronaldo. Superare il Manchester United. Diventare la seconda squadra contro cui il fenomeno portoghese ha sempre e solo perso in carriera, avendoci giocato contro almeno due volte. Sembrava praticamente impossibile, sembrava soltanto un sogno. Sembrava che lo Young Boys avrebbe fatto meglio a pensare soltanto al terzo posto del girone, per giocarsi i sedicesimi di finale di Europa League, ma… ma tutto ieri sera al Wankdorf si è concretizzato, tutto si è ribaltato.
 
 
Si è ribaltato in campo, perché l’YB ha fatto la figura di Davide, capace di battere Golia, così come sul tabellone perché dopo lo 0-1 dei primi 45’ e dopo l’espulsione per un fallo senza senso di Wan-Bissaka, prima Ngamaleu poi Siebatcheu (grazie Lingard, ndr) hanno fotografato il 2-1 finale che passerà alla storia.
 
 
Passerà alla storia, non solo perché i gialloneri giocando da squadra, da collettivo, da gruppo e con testa sono riusciti a superare una squadra che, se in Premier ha iniziato bene, al momento sembra ancora un assieme di figurine. Ma passerà alla storia perché l’YB è la seconda squadra contro cui Cristiano Ronaldo ha sempre e solo perso avendola incontrata almeno due volte: la prima
è stata il Gil Vicente. Sì perché CR7 era sceso in campo anche con la maglia della Juventus al Wankdorf nella stagione 2018/19: questa volta è andato a segno, quella volta no, ma in ogni caso entrambe le sfide sono terminate per 2-1 per i gialloneri. Il portoghese, giusto per completare questo dato statistico, non era in campo a Torino quando la Juventus si impose per 3-0 in quella fase a girone, a causa dell’espulsione subita nella prima giornata a Valencia.
 
 
Tornando all’YB, quella di ieri possiamo definirla un’impresa, non certo da poco. Ora chiaramente ne servirebbero altre sia contro l’Atalanta che contro il Villareal per sperare di continuare il cammino europeo, Champions o Europa League che sia, ma questa impresa non sarebbe stata quasi sicuramente possibile se l’ASF non avesse concesso il rinvio del match tra i gialloneri e il Lugano dello scorso 21 agosto. I bernesi dovevano preparare al meglio il ritorno dei playoff di Champions League; certo i bianconeri non ci hanno guadagnato nulla da questa situazione, ma la qualificazione dell’YB alla massima competizione calcistica europea per club e la vittoria di ieri sera fanno aumentare il ranking UEFA della Svizzera. Una cosa da tenere in considerazione e che può far gioire tutti, compreso il Lugano…

Guarda anche 

“In casa Bellinzona tutto appare piuttosto nebuloso”

È fuori dal calcio che conta dal 2008, da quando portò il Bellinzona nella massima serie assieme a Marco Degennaro e Vladimir Petkovic e sfiorò la...
26.06.2022
Sport

Dopo la droga, gli abusi sulla compagna di vita

LUGANO - Fabio Macellari non è certo catalogabile in una ipotetica lista di campioni. Ma negli Anni Novanta del secolo scorso è stato indubbiamente uno...
24.06.2022
Sport

Angelo Renzetti nel Locarno? “Non faccio parte del club ma...”

LOCARNO - In Ticino il mondo del calcio sta vivendo profondi cambiamenti, Epocali, diremmo. A Lugano dopo l’era Renzetti, un anno fa si è aperta una nuo...
20.06.2022
Sport

Le sudamericane in palla, la svogliata Francia arranca

Mancano ancora cinque mesi all’inizio dei Mondiali del Qatar. Gli ultimi a 32 squadre, visto che dal 2026 (ahinoi) la rassegna iridata contemplerà...
20.06.2022
Sport