Svizzera, 05 settembre 2021

Aveva danneggiato antenne radio e veicoli militari, estremista di sinistra dovrà risarcire 250'000 franchi di danni

Un estremista di sinistra di 30 anni arrestato nel gennaio 2019 nel canton Zurigo per aver danneggiato diversi veicoli della polizia e antenne telefoniche è stato condannato venerdì a una pena detentiva e a pagare un risarcimento decisamente salato. L'uomo, in carcere preventivo dal giorno del suo arresto, aveva fatto ricorso contro una prima sentenza del tribunale distrettuale di Hinwil (ZH). Venerdì, l'Alta Corte di Zurigo ha confermato la pena, pari a tre anni e mezzo di carcere e a risarcire 250'000 franchi di danni.

Membro di un gruppo di estrema sinistra, l'uomo ha partecipato in quello che la NZZ descrive come un "attacco incendiario" a nove veicoli militari a Hinwil nel settembre 2015 in cui, oltre ai menzionati veicoli militari, un totale di 23 mezzi furono danneggiati. Successivamente, nel luglio 2016, il 30enne aveva dato fuoco alle antenne del sistema radio di emergenza della polizia municipale di Zurigo sul Waidberg. In quell'occasione fu aiutato da almeno un complice, ma questi riuscì a far perdere le sue tracce. L'accusato fu identificato grazie a tracce di DNA lasciate su entrambe le scene del crimine.

Da notare che, all'epoca del primo processo, nel gennaio 2020, i membri del gruppo di estrema sinistra avevano pubblicato sul loro sito internet un comunicato in cui si dissociavano dall'imputato, in quanto questi aveva dato agli inquirenti informazioni utili a rintracciare gli altri membri del gruppo implicati negli attacchi menzionati: "Come ex gruppo di solidarietà, terminiamo pubblicamente le nostre attività di solidarietà e di sostegno al prigioniero" si poteva leggere sul sito.

L'imputato, forse per paura di ritorsioni dei suoi ex "compagni", aveva poi ritrattato le dichiarazioni fatte agli inquirenti circa gli altri membri del gruppo. Da allora, per quanto se ne sappia, nessun altro implicato in questi danneggiamenti è stato nel frattempo identificato o arrestato.

Guarda anche 

Pesanti condanne per un caso di corruzione alla SECO, "il più grave da decenni nella storia svizzera"

Per quindici giorni il Tribunale penale federale di Bellinzona nel mese di agosto si è occupato di uno dei più grandi casi di corruzione nella storia del...
19.09.2021
Svizzera

Fa ricorso per una multa per divieto di sosta, alla fine dovrà pagare 15 volte tanto

Succede, talvolta, che quando si fa ricorso per una multa, si riesce a farla annullare, o comunque ridurre l'importo, quando si è convinti di non aver commesso...
18.09.2021
Svizzera

Derubava i clienti FFS mettendo un fazzoletto nel distributore di biglietti

Un cittadino francese residente a Ginevra è riuscito a sottrarre circa 2'000 franchi a clienti delle FFS bloccando l'erogatore del resto dei distributori d...
13.09.2021
Svizzera

Zugo e Zurigo in pole position. E attenzione ai biancoblù

LUGANO - Il campionato di National League batte ormai alle porte. In settimana comincia la regular season, come al solito retta da un calendario assurdo per non dire...
06.09.2021
Sport