Sport, 05 settembre 2021

Lotta dura senza paura

Stasera a Basilea (ore 20.45) Svizzera-Italia

BASILEA - Lotta dura senza paura. Il titolo spiega tutto. Stasera a Basilea (ore 20.45, stadio esaurito!) la nazionale svizzera dovrà metterci cuore, grinta e carattere per far risultato contro i neo campioni d`Europa. Perchè a livello tecnico e qualitativo è nettamente inferiore: e questo fatto è dovuto anche alle numerose e importanti assenze dei vari Xhaka, Freuler, Shaqiri, Mbabu, Embolo e Gavranovic. È un po' come se l`Italia rinunciasse a Barella, Verratti, Chiesa, Chiellini e Immobile. Bisognerà insomma fare di necessità virtù e mettere in campo uno spirito di sacrificio ed una solidarietà di squadra imprescindibili per cercare l`impresa. A proposito: un pareggio, a questa stregua, sarebbe già un risultato utile e importantissimo. E ciò è dovuto, pure, al pareggio imposto dalla Bulgaria alla squadra di Roberto Mancini a Firenze.


Tornando ai rossocrociati che vedranno la partita sul divano o in tribuna: Xhaka, il capitano, è risultato positivo al Covid-19, unico non vaccinato fra i nostri. Una leggerezza pagata cara. Al giocatore di origini balcaniche non vogliamo fare la morale, anche perché ognuno ha il diritto o meno di farsi vaccinare (lui non lo era). Lo invitiamo semmai a farsi un esame di coscienza e rendersi conto che il suo ruolo nel contesto rossocrociato è fondamentale: è un leader e lo deve mai dimenticare. Altrimenti Murat Yakin potrebbe anche decidere di togliergli la fascia.


Svizzera-Italia, dunque. Una partita che può già rivelarsi fondamentale sul cammino verso i Mondiali del prossimo anno. Nel gruppo C le cose sembranopiuttosto chiare: l`Italia è la favorita alla promozione diretta, la Svizzera el`Irlanda del Nord sembrano aver qualcosa in più della Bulgaria nella lotta al secondo posto, che vale lo spareggio. Ma il quadro tecnico-sportivo potrebbecambiare qualora i rossocrociati dovessero compiere il miracolo di battere gli azzurri oppure strappar loro un pareggio e poi andarsela a giocare a Roma in autunno. Molto, secondo noi, dipenderà dai campioni continentali: con quale spirito affronteranno la trasferta in terra renana? Solitamente dopo i trionfi la nazionale azzurra accusa sempre dei rilassamenti. Citiamo, per esempio, la sconfitta proprio contro la Svizzera nel 1982 subito dopo la conquista del titolo mondiale o il clamoroso fallimento europeo post-Mondiali tedeschi del 2006. Non ci conteremmo molto, tuttavia. Anche perché contro la Bulgaria, malgrado il pareggio, l`Italia ha confermato di aver cambiato mentalità e gioco: basta speculare e difendersi a spada tratta come un tempo, ora mantiene il possesso della palla e del gioco. In due mesi, dalla conquista dell`Europeo a Londra, la squadra di Mancini ha mantenuto le sue peculiarità.


Ecco perché servirà un`impresa rossocrociata: per la classifica, per i Mondiali ma anche per cancellare quel 3-0 incassato a Roma durante la recente rassegna continentale. Una rivincita che tutta la Svizzera pedatoria aspetta con ansia. E che per Murat Yakin, al vero esordio sulla panchina che fu di Vlado Pektovic, vale già molto. Ma, come detto, l`ex difensore della Nazionale, non potrà contare su alcune pedine fondamentali. Per questo motivo, si è dovuto inventare la formazione: Sommer in porta, Widmer e Rodriguez esterni, Elvedi e Akanji centrali, Frei e Sow in mediana, Vargas, Fassnacht e Zuber a centrocampo, Seferovic unica punta. Insomma: una formazione inedita, con giocatori di scarsa esperienza in rossocrociato. E quanto conti questo fattore quando si gioca contro una grande, beh, lo sanno anche i sassi. La coppia Frei-Sow fa poi... tenerezza. Il confronto con Barella e Jorginho è semplicemente improponibile.


Fasciarsi la testa priva del match è comunque inutile: dobbiamo soltanto sperare che i nostri sappiano tirar fuori tutta la rabbia e la determinazione di cui sopra. E tener conto che nel calcio moderno non ci sono più squadre di fenomeni o di squadre inarrivabili. Anche l`Italia manciniana non sfugge a questa regola. E allora...lotta dura senza paura.

MDD

Guarda anche 

FC Lugano: Mattia Croci-Torti è il “nuovo” allenatore

LUGANO - Tanti nomi, tante supposizioni ma alla fine il Lugano ha deciso che il suo allenatore lo aveva già in casa: Mattia Croci-Torti è stato confermato a...
20.09.2021
Sport

“Sono pronto a tornare al mio posto, no problem”

LUGANO - Mattia Croci-Torti: bella vittoria contro lo Xamax. Magari a Chicago ci ripensano e la lasciano in panchina ancora per un po’…  Grazie pe...
20.09.2021
Sport

La Svizzera ringrazia l’YB… e quel rinvio col Lugano ora fa meno discutere

BERNA – Battere Cristiano Ronaldo. Superare il Manchester United. Diventare la seconda squadra contro cui il fenomeno portoghese ha sempre e solo perso in carriera,...
15.09.2021
Sport

In fuga dall’Afghanistan e dai Talebani: la nazionale di calcio femminile trova riparo

ISLAMABAD (Pakistan) – In fuga dall’Afghanistan, in fuga dai talebani. In fuga dalle assurde regole che (tra le tante aberrazioni anche più gravi) viet...
16.09.2021
Sport