Sport, 02 settembre 2021

Svizzera, ci mancava anche Xhaka…

Dopo i forfait di Shaqiri, Gavranovic, Embolo e Benito ieri è arrivata la positività del capitano: contro l’Italia sarà ancora più complicato

BASILEA – Dici Svizzera-Italia e ripensi alle sfide del passato, alla rete di Hottiger, a quelle di Ohrel e di Chapuisat, alla sfida dei recenti Europei (deludentissima) e ti immagini di sfidare i campioni d’Europa in carica domenica, nelle qualificazioni al prossimo Mondiale, con lo spirito mostrato contro la Francia e la Spagna, sempre nella medesima competizione continentale. Poi però apri gli occhi e ti accorgi che al neo ct Yakin mancheranno non solo Shaqiri, Gavranovic, Embolo e Benito – KO per motivi fisici – ma anche il capitano, Granit Xhaka, l’unico a metà campo a saper dettare i ritmi e trovare le giuste distanze. Come Euro 2020 ha insegnato…
 
 
Sì perché il centrocampista dell’Arsenal, unico giocatore della rosa selezionata dall’ex allenatore del Sion (tra le tante) a non essere vaccinato, ieri è risultato positivo al covid. Una brutta tegola che, almeno quello, non va ad intaccare – al momento
– il resto del gruppo che non è stato messo in quarantena. Un gruppo che ieri sera ha poi battuto per 2-1 la Grecia in amichevole, bagnando con un successo il debutto di Murat Yakin in panchina.
 
 
Ma c’è poco da stare allegri: domenica, a Basilea, contro l’Italia servirà una prestazione completamente diversa e contro il centrocampo azzurro, che negli Europei ha brillato per continuità, geometrie e brillantezza – soprattutto grazie all’uomo capace di vincere tutto fin qui nel 2021, Jorginho – sarebbe servito come il pane proprio Xhaka.
 
 
Certo, non partiamo battuti, ovviamente il successo di ieri ci può dare morale – fondamentale dopo l’addio di Petkovic – ma servirà la miglior Svizzera per difendere il primo posto del girone (in coabitazione con la stessa Italia) e per lanciarsi al meglio in vista della sfida di mercoledì in casa dell’Irlanda del Nord.

Guarda anche 

Muore a 22 anni durante un allenamento: dramma in Argentina

SAN MIGUEL DE TUCUMAN (Argentina) – Un’autentica tragedia si è abbattuta sul calcio colombiano e argentino: a 22 anni è morto improvvisamente il...
01.12.2022
Sport

La SSR condannata per aver censurato dei commenti anti-Covid

Il Tribunale federale (TF) ha dato ragione a un'internauta svittese che ha deciso di lottare fino in fondo dopo che un suo commento sull'account Instagram dell...
30.11.2022
Svizzera

Inghilterra-USA, anno 1950: la brutta figura dei “maestri”

LUGANO - La sorprendente sconfitta dell’Argentina contro l’Arabia Saudita ai Mondiali del Qatar conferma, semmai ce ne fosse bisogno, che nel calcio come...
01.12.2022
Sport

Spuntata e senza Shaqiri. La Svizzera fa il compitino, ma il Brasile ci castiga

DOHA (Qatar) – La vittoria colta all’esordio del Mondiale qatariota, forse, ci aveva un po’ illusi. Sì perché della sfida contro il Cameru...
29.11.2022
Sport