Svizzera, 01 settembre 2021

Mandava multe finte a automobilisti in divieto di sosta, condannato un "uomo d'affari"

È una truffa a dir poco originale quella inventata da un cittadino olandese residente nel canton Vaud. Descritto come un "uomo d'affari", inviava multe a automobilisti in divieto di sosta o che avevano parcheggiato male, e questo senza coinvolgere minimamente lo stato o i proprietari degli stalli. Addirittura aveva sviluppato un applicazione per smartphone e fondato un'azienda per rendere più realistici i suoi illeciti. Denunciato, negli scorsi giorni si è tenuto il processo di cui il portale lematin.ch ha pubblicato un resoconto.

"Siete consapevoli di essere un'azienda privata? Voi non siete né il Cantone né lo Stato né la giustizia. Questa è stata una delle prime frasi pronunciate dal giudice del tribunale di Vaud Est contro l'"uomo d'affari" comparso in tribunale martedì a Vevey con l'accusa di estorsione e ricatto.

La sua società inviava una lettera a proprietari di automobili il cui veicolo è stato trovato in divieto di sosta o parcheggiato "male" chiedendo di pagare una "tassa di compensazione" di 40 franchi entro dieci giorni per non essere denunciato alla giustizia. All'apertura dell'udienza, la difesa ha chiesto l'assoluzione. Per trovare queste automobili in divieto di sosta, comuni cittadini potevano scaricare un'apposita applicazione per smartphone e segnalare l'automobilista in questione. In seguito, l'uomo trasmetteva i dati degli automobilisti a una società di riscossione che si occupava di mandare la richiesta di pagamento.

Delle 2'568 segnalazioni ricevute tramite questa applicazione, 1'678 sono sfociate in una lettera con una richiesta di pagamento, e di questi 496 automobilisti hanno pagato l'importo richiesto. Alla fine, questa attività, descritta come "criminale", ha fruttato 19'840 franchi tra il 2016 e il 2018. Si noti che nessuna parte lesa ha presentato una denuncia penale ma è stato un funzionario statale, che messo al corrente dell'attività, ha segnalato la cosa alla giustizia vodese.

Durante i dibattiti, il cittadino olandese, che non parla bene il francese, si è detto convinto della legalità della sua attività. L'uomo d'affari si è difeso spiegando che aveva fatto ricerche su internet e si era basato su giurisprudenza e articoli che si riferivano al diritto di chiedere un risarcimento e non una multa: "L'idea non era quella di arricchirmi, ma di fornire un servizio", ha detto. "Un sondaggio mi ha mostrato che molte persone volevano sapere cosa fare quando qualcuno ti ruba il parcheggio. Inoltre, mi è stato detto che questa attività è lecita in Italia".

Se la vicenda non fosse già abbastanza bizzarra, l'avvocato del cittadino olandese, per cercare di dimostrare la buona fede del suo cliente, ha fatto notare chequest'ultimo nel novembre del 2016 era apparso in un articolo del giornale gratuito "20 minutes" in cui presentava la sua applicazione per smartphone.

Tuttavia, questi elementi non sono stati mantenuti dal giudice, che ha condannato l'imputato per estorsione e ricatto. Gli è quindi stata inflitta una multa di 150 aliquote giornaliere da 250 franchi, sospesa per due anni, mentre il pubblico ministero aveva richiesto 180 aliquote giornaliere da 300 franchi. Dovrà anche pagare una multa di 4'000 franchi. I 19'840 guadagnati da questa attività illecità franchi sono invece stati sequestrati e serviranno come risarcimento a favore dello Stato. Un ricorso contro la sentenza è tuttavia ancora possibile.

Guarda anche 

Nuova legge sul CO2, niente nuove tasse ma aumentano quelle già esistenti

Venerdì Simonetta Sommaruga ha presentato i contorni della nuova versione della legge sul CO2 dopo il "no" popolare del 13 giugno scorso. Nessuna nuova t...
20.09.2021
Svizzera

FC Lugano: Mattia Croci-Torti è il “nuovo” allenatore

LUGANO - Tanti nomi, tante supposizioni ma alla fine il Lugano ha deciso che il suo allenatore lo aveva già in casa: Mattia Croci-Torti è stato confermato a...
20.09.2021
Sport

"Al seggio non c'è mai fine"

*Articolo dal Mattino della Domenica. Di Lorenzo Quadri Tra una settimana, Anghela Merkel lascerà per sempre la Cancelleria. “...
20.09.2021
Mondo

Strage in un'università russa: otto morti e sette feriti

Otto morti e sette feriti: è il bilancio parziale della sparatoria avvenuta all'università di Perm, in Russia. L'autore della strage, che sarebbe...
20.09.2021
Mondo