Svizzera, 01 settembre 2021

Una foto del capo dell'esercito con un'unità "segreta" fa discutere

La truppa d'elite dell'esercito AAD 10 è – o era - considerata la truppa più segreta dell'esercito svizzero. Dai nomi dei soldati all'equipaggiamento fino alle missioni, tutte le informazioni su di essa erano state tenute nascoste al pubblico. Fino a ieri, quando il capo dell'esercito Thomas Süssli ha pubblicato una foto in compagnia di questa unità "top secret".

Süssli ha presentato con orgoglio le truppe d'élite in una foto sulla piattaforma Twitter con il testo: "Grazie AAD 10", corredato con gli "hashtag" (parole che aiutano un utente a rintracciare determinati temi su una piattaforma social) "Dove ci porta l'azione" e "Team Army".

Per avere un'idea dei compiti di AAD 10, "20 minuten" riporta che circa due settimane fa sei membri dell'unità erano in una delicata missione a Kabul per assicurarsi che i circa 30 cittadini svizzeri che erano bloccati in Afghanistan tornassero a casa sani e salvi (come il portale svizzerotedesco abbia avuto accesso a questa informazione di quest'unità "top secret" non è dato sapere).

La foto di Süssli tuttavia, non è stata gradita da tutti. "È molto incoerente e maldestro che il capo dell'esercito pubblichi una foto di una truppa segreta", critica la consigliera nazionale del PS Franziska Roth, della Commissione della sicurezza del Consiglio nazionale. Fino a quindici giorni fa, nessuna informazione sulle truppe è stata lasciata trapelare, afferma Roth. "Nemmeno il nostro presidente di commissione è stato autorizzato a informarci della truppa quando si è saputo che la Svizzera inviava AAD 10 a Kabul". Se l'esercito era serio riguardo alla segretezza, non ha avrebbe dovuto pubblicare questafoto. "Con questa azione, questa unità sta subendo un'enorme perdita di credibilità".


Il consigliere nazionale dei Verdi liberali Beat Flach ha un'opinione simile. "La foto non è molto intelligente. Avrei perlomeno censurato le facce". Durante una visita nella sua precedente funzione di presidente di sottocommissione della Commissione di sicurezza, aveva anche già visitato le truppe, ha detto. "Abbiamo dato molta importanza al fatto che i parlamentari non facessero foto ai membri". Dopo tutto, le loro informazioni personali dovevano essere particolarmente protetti.

Altri politici invece non vedono alcun problema. "Penso che sia un bene che il nostro capo dell'esercito mostri al pubblico che abbiamo un esercito potente", dice il consigliere nazionale dell'Alleanza di Centro Alois Gmür. Secondo lui, i volti nella foto sono difficilmente riconoscibili. "Nella foto io vedo solo soldati e un capo dell'esercito molto orgoglioso".

Anche la consigliera nazionale PLR Doris Fiala sostiene l'azione del capo dell'esercito alla forza più segreta della Svizzera. La foto esprime una certa stima per questo tipo di truppa", afferma Fiala. I soldati nella foto potrebbero anche essere contenti che il capo li onori per il loro servizio. Anche il consigliere nazionale UDC Thomas Hurter non vede il problema: "Finché i volti non sono riconoscibili, dovremmo anche mostrare le truppe e dimostrare loro il nostro riconoscimento per le loro prestazioni".

Anche l'esercito difende la pubblicazione della foto. "Il signor Süssli aveva espresso il suo apprezzamento per i membri dell'AAD 10 con l'incarico, che ha incontrato una risposta positiva da parte del comando delle forze speciali", dice il portavoce dell'esercito Stefan Hofer. "Abbiamo controllato bene la foto e non rivela alcun dettaglio sui membri dell'unità".

Guarda anche 

In futuro l'esercito svizzero aperto anche agli stranieri?

Un esercito svizzero "per tutti", che sia aperto alle donne e, chissà, anche ai cittadini stranieri. "Sono convinta che abbiamo bisogno di persone i...
27.06.2020
Svizzera