Svizzera, 24 agosto 2021

Aveva ucciso moglie e figlio, condannato al carcere a vita (e a un'eventuale espulsione)

Un cittadino portoghese residente nel canton Vaud accusato di aver ucciso la moglie e suo figlio è stato condannato all'ergastolo, la pena più pesante del codice penale svizzero. E se un giorno venisse rilasciato dopo una commutazione della pena l'uomo verrebbe espulso in Portogallo per 15 anni. I suoi avvocati hanno già annunciato la loro intenzione di ricorrere in appello.

Secondo quanto si legge nell'atto di accusa l'omicidio è stato particolarmente efferato. Nell'aprile 2018 a Payerne (VD), per motivi che non sono ancora stati del tutto chiariti, l'uomo allora 49enne aveva crivellato di colpi la moglie 45enne e il figlio di 18 anni, sparando oltre 30 colpi. Secondo i giudici che hanno presieduto al processo il suo movente era egoistico, poiché causato dalla rabbia di un uomo che aveva perso il suo status di capo famiglia e il controllo sui suoi figli.

"L'intensità delle circostanze è insolita", ha detto il presidente Donovan Tesaury, che ha anche notato l'assenza di rimorso e la mancanza di circostanze attenuanti per il condannato. Solo la sua infanzia traumatica è stata considerata, anche se "l'autore aveva già 49 anni al momento del suo atto". "Ha detto che era pronto a morire per i suoi figli, a dare loro il suo sangue. In realtà, ha tolto la vita a uno di loro e ha privato il secondo di sua madre", ha aggiunto.

I giudici hanno ricordato la divergenza delle versioni tra le udienze preliminari e il processo. In particolare, l'autore, oggi 52enne, ha negato qualsiasi violenza fisica all'interno della sua famiglia, sia con la moglie che con il figlio morto, ammettendo al massimo spintoni e spinte. Tuttavia, questo sembra incoerente sia con le sue dichiarazioni passate che con quelle di diversi testimoni, compresi i suoi stessi figli, e i messaggi WhatsApp citati dal giudice che ha presieduto al processo. Per esempio, la vittima aveva detto a una delle sue amiche, sentita durante l'indagine, che la situazione famigliare era peggiorata dopo la separazione perché il 52enne non l'aveva accettata.

Vista l'efferratezza dei fatti e l'assenza di circostanze attenuanti l'uomo è stato quindi condannato al massimo della pena. La vicenda non è però conclusa in quanto gli avvocati del 52enne portoghese hanno già annunciato che faranno ricorso contro la decisione.

Guarda anche 

Derubava i clienti FFS mettendo un fazzoletto nel distributore di biglietti

Un cittadino francese residente a Ginevra è riuscito a sottrarre circa 2'000 franchi a clienti delle FFS bloccando l'erogatore del resto dei distributori d...
13.09.2021
Svizzera

Condannati per una partita di calcio in violazione delle regole covid

Un partecipante ad una partita di calcio, tenutasi il 21 maggio 2020 a Losanna, è stato appena condannato per aver violato le regole anti-covid. In precedenza, alt...
12.09.2021
Svizzera

Docente dà uno schiaffo a un alunno che teneva la porta dell'aula chiusa, i genitori sporgono denuncia

Un alunno di 14 anni di una scuola media di Grenoble (VD) ha preso una sschiaffo dal suo insegnante giovedì scorso per aver impedito a un compagno di classe di las...
11.09.2021
Svizzera

Il suo appartamento sta per essere messo in vendita, si dà fuoco quando arrivano i funzionari del comune

Una cittadina francese di 56 anni è deceduta ieri mattina a Lutry, nel canton Vaud, dopo essersi data fuoco all'arrivo di funzionari comunali accompagnati da a...
03.09.2021
Svizzera