Mondo, 12 luglio 2021

Cuba: migliaia in piazza protestano contro il governo

Migliaia di cubani sono scesi in piazza domenica in tutto il paese per manifestare contro il governo, al grido di slogan quali "Libertà!" e "Abbasso la dittatura!" mentre il governo si è detto pronto a difendere la rivoluzione "a qualunque costo". 

"La rivoluzione cubana, la difenderemo ad ogni costo!". Con queste parole, il vice ministro degli Esteri di Cuba Gerardo Peñalver ha risposto su Twitter alle proteste che hanno avuto luogo in tutto il paese domenica 11 luglio. Colto di sorpresa, il presidente Miguel Diaz-Canel ha dato ai rivoluzionari "l'ordine di combattere", invitandoli ad "uscire nelle strade dove si verificheranno queste provocazioni, a partire da ora e nei prossimi giorni".

"Cuba non è vostra!", ha gridato una folla riunita davanti agli uffici del Partito Comunista (PCC), l'unica formazione politica autorizzata a Cuba. "Abbiamo fame", "Libertà", "Abbasso la dittatura" sono stati alcuni degli altri slogan scanditi durante la movimentata giornata, il cui svolgimento ha spinto il presidente a recarsi a mezzogiorno a San Antonio de los Baños, la piccola città dove è stata segnalata la prima manifestazione, e poi ad apparire alla televisione di stato.

Le proteste sono talvolta degenerati in scontri e discordini, in particolare all'Avana, dove la polizia ha usato gas lacrimogeni, sparato diversi colpi di avvertimento e "usato tubi di plastica per colpire i manifestanti", riportano fonti citate dall'agenzia AFP. Diverse auto della polizia sono state rovesciate e danneggiate da cubani arrabbiati e "molte persone" sono state arrestate.

Nel frattempo un vasto dispiegamento di polizia e militare è stata dispiegata nella capitale e in diverse altre città. Secondo il sito web Inventario, un totale di 40 manifestazioni sono state segnalate in tutto il paese.  Da mezzogiorno, l'accesso alla rete 3G era interrotto in gran parte del paese ed è stato ripristinato solo a metà serata.

Mentre ha riconosciuto "l'insoddisfazione" che alcuni cubani possono sentire, di fronte alla scarsità di cibo e medicine, combinata con i tagli quotidiani di energia, Miguel Diaz-Canel ha anche accusato gli Stati Uniti di essere dietro le proteste. "C'è un gruppo di persone, controrivoluzionari, mercenari, pagati dal governo degli Stati Uniti, indirettamente attraverso agenzie governative statunitensi, per organizzare questo tipo di manifestazioni", ha detto Diaz-Canel.

Washington ha reagito domenica mettendo in guardia le autorità cubane contro qualsiasi uso della violenza contro "manifestanti pacifici". "Gli Stati Uniti sostengono la libertà di espressione e di riunione a Cuba, e condannano fermamente qualsiasi atto di violenza o di prendere di mira i manifestanti pacifici che esercitano i loro diritti universali", ha scritto su Twitter il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan.

Guarda anche 

Rotterdam, protesta contro il lockdown degenera in scontri e disordini

Violenti scontri e disordini sono scoppiati venerdì a Rotterdam, in Olanda, dove una protesta contro le misure anti-covid è degenerata causando diversi feri...
20.11.2021
Mondo

Militanti per il clima bloccano il traffico a Zurigo

Attivisti per il clima appartenenti al gruppo ecologista Extinction Rebellion stanno bloccando il traffico nel centro di Zurigo a partire da lunedì mattina. Come r...
04.10.2021
Svizzera

I migranti manifestano davanti alla SEM, un delegato risponde loro: "Non dovreste nemmeno essere qui"

Un centinaio di persone, tra migranti e loro sostenitori, hanno manifestato ieri davanti alla sede della Segreteria di Stato per la migrazione (SEM) a Wabern, nel canton ...
26.06.2021
Svizzera

Cinque attivisti si incollano a Palazzo federale e minacciano: “Se non ci ascoltate, paralizzeremo Zurigo"

Per protesta contro la politica della Confederazione, questa mattina a Berna cinque attivisti per il clima si sono incollati con le proprie mani a Palazzo federale. Si...
22.06.2021
Svizzera