Mondo, 10 luglio 2021

Il Regno Unito sanzionerà i paesi che non si riprendono i loro migranti, "metteremo fine una volta per tutte alla libera circolazione"

Secondo il progetto di legge sulla riforma dell'asilo, il governo britannico avrebbe il potere di bloccare i visti per i visitatori provenienti da paesi che rifiutano di riprendere i loro immigrati illegali o i criminali falliti.

Il disegno di legge sulla riforma dell'asilo, pubblicato martedì 6 luglio, intende bloccare il flusso di migranti tra il Regno Unito e il continente europeo. Come riportato dal Guardian, questo testo darebbe più potere al Ministero dell'Interno britannico. In particolare, darebbe al Ministero dell'Interno il potere di sanzionare i paesi che non riprendono i loro migranti o respingono gli stranieri che sono arrivati - e/o vivono - illegalmente nel Regno Unito. Infatti, il ministro dell'Interno Priti Patel, e i suoi futuri segretari dell'Interno, potrebbero bloccare o rallentare l'elaborazione dei visti per i cittadini dei paesi che non "cooperano con il governo britannico", secondo il testo della legge. Come riporta il Guardian, la clausola sulla nazionalità e le frontiere del disegno di legge potrebbe portare il ministro dell'Interno ad aumentare le tasse per le richieste di visto.

La legge è stata descritta da Priti Patel come "la più grande revisione del sistema di asilo del Regno Unito da decenni".

I richiedenti asilo che arrivano nel Regno Unito illegalmente non avranno più gli stessi diritti di quelli che arrivano nel paese attraverso canali legali. Anche se la loro richiesta di asilo ha successo, sarà loro
concesso lo status di rifugiati temporanei e saranno deportati a tempo indeterminato.
I richiedenti asilo possono essere allontanati dal Regno Unito mentre la loro richiesta di asilo o il loro appello sono in corso di elaborazione, e possono essere collocati in centri di accoglienza offshore (in Africa).

Per coloro che si ritiene siano arrivati illegalmente, l'accesso ai benefici sociali e i diritti di ricongiungimento familiare saranno limitati. Il processo di appello e il processo giudiziario saranno cambiati per accelerare l'espulsione di coloro le cui domande di asilo sono respinte.

Il ministro dell'Interno potrà, in circostanze eccezionali, offrire protezione a persone vulnerabili in "pericolo immediato e a rischio nel loro paese d'origine". Si pensa che questo sarà utilizzato per aiutare un piccolo numero di persone.

Inoltre, il sistema sarà reso "molto più difficile per le persone a cui viene concesso lo status di rifugiato sulla base di prove infondate" e includerà "rigorose valutazioni dell'età" per impedire agli adulti di spacciarsi per minori. Il governo prevede di usare le scansioni ossee per determinare l'età dei migranti.

Infine, l'ergastolo sarà introdotto come pena massima per i trafficanti di persone.
I criminali stranieri che violano gli ordini di deportazione e tornano nel Regno Unito potrebbero essere incarcerati fino a cinque anni invece degli attuali sei mesi.

Guarda anche 

Regno Unito, il premier annuncia elezioni anticipate: "Si vota il 4 luglio"

Il primo ministro britannico Rishi Sunak ha annunciato mercoledì che le elezioni legislative si terranno il prossimo 4 luglio, ponendo fine a mesi di suspense sull...
23.05.2024
Mondo

La popolazione della Svizzera non è mai aumentata così tanto come nel 2023

Nel 2023 la Svizzera ha battuto due record. Il Paese ha registrato “il saldo migratorio più alto mai registrato” e allo stesso tempo, “il numero ...
05.04.2024
Svizzera

Crescita record di stranieri nel 2023

Nel 2023 l'immigrazione in Svizzera ha registrato un'accelerazione. Alla fine dell'anno la popolazione residente permanente straniera era aumentata di 98'...
23.02.2024
Svizzera

Il Consiglio federale non vuole tassare l'immigrazione

Richiedere un contributo finanziario a tutti coloro che immigrano in Svizzera. È l'idea lanciata dal consigliere agli Stati Andrea Caroni (PLR/AR) ma che non v...
21.02.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto