Svizzera, 17 giugno 2021

L'ONU interviene per "Carlos", che però viene condannato comunque

Avrà il tempo di distruggere ancora parecchie celle, il delinquente di origini brasiliane noto come “Carlos”, sebbene si chiami Brian. Ieri si apprende infatti che il Tribunale cantonale di Zurigo lo ha condannato a sei anni e quattro mesi di prigione, giudicandolo colpevole di aver aggredito e ferito dei compagni di detenzione e dei dipendenti delle strutture carcerarie.

È stata così decisamente inasprita la pena che era stata emessa in prima istanza dal Tribunale distrettuale di Dielsdorf. Allora Carlos era stato condannato solamente a una pena detentiva commutata in una terapia stazionaria in un
ambiente chiuso, un cosiddetto “soggiorno breve”.

Sulla vicenda è nel frattempo intervenuto persino il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura, Nils Melzer. In una lettera al Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), Melzer ha chiesto che il regime di detenzione del giovane delinquente venga allentato.

Il dipartimento di giustizia del canton Zurigo ha già reagito alle accuse di Melzer, sostenendo che la sua lettera “contiene errori di fatto”. A detta delle autorità zurighesi, le condizioni di detenzione di Carlos sarebbero pienamente legali.

Guarda anche 

Avevano bloccato il traffico, ecoattivisti vengono assolti: “È libertà d'espressione”

Condannati in prima istanza, un gruppo di ecoattivisti che aveva bloccato il traffico a Losanna è stato assolto da ogni accusa durante il processo di appello. L...
30.09.2022
Svizzera

Riceve 1'800 franchi di multa per aver segnalato dei radar e dei controlli di polizia

Tra febbraio e maggio 2021, un uomo allora 29enne residente a Winterthur (ZH) aveva annunciato cinque controlli di velocità e del traffico da parte della polizi...
29.09.2022
Svizzera

Condannato per frode, non viene espulso perchè il suo QI è troppo basso

La lista di crimini di un 25enne kosovaro recentemente comparso in tribunale a Winterthur è lunga. Il suo fascicolo è lungo 77 pagine, che descrivono pri...
28.09.2022
Svizzera

Manda i figli nel suo paese d’origine e poi chiede gli assegni familiari

Manda i suoi paese in Bosnia e poi li iscrive al controllo abitanti per ricevere le prestazioni assistenziali. Nel settembre 2019, dopo la partenza per la Bosnia dei suoi...
27.09.2022
Svizzera