Svizzera, 05 giugno 2021

"Rapito e poi picchiato con una pistola puntata alla tempia", prima condanna in una vicenda di droga sfuggita di mano

Assomiglia alla trama di un film la vicenda descritta in una sentenza del tribunale distrettuale di Winterthur (ZH). Come riportato venerdì dal "Tages-Anzeiger", un uomo si trova sotto processo per aver picchiato e minacciato, insieme a un complice, una persona che credeva gli avesse rubato della cocaina. La vittima, tale B., nell'aprile 2017 era stato avvicinato da due individui in una zona residenziale di Winterthur. Dopo essere stato schiaffeggiato e poi colpito i due lo hanno portato in un appartemento della zona. Lì fu "accolto" da un gruppo di uomini. Due di loro hanno affermato di essere membri della mafia albanese. Il loro obiettivo: fargli confessare un furto di cocaina.

B. fu messo su una sedia e picchiato in modo che rivelasse dove si trovava la droga. Ma quando si rifiutò di rispondere, uno dei due "mafiosi albanesi" estrasse una pistola carica e gliela puntò alla testa. L'uomo ha poi minacciato di uccidere lui e la sua famiglia se non avesse confessato. Infine, B. ha confessato di aver rubato la coca e ha promesso di pagare 40'000 franchi di risarcimento ai suoi aggressori.

Una volta libero, B. ha immediatamente denunciato i fatti alla polizia. Uno degli aggressori che lo ha attirato nell'appartamento con l'inganno è
comparso giovedì davanti al tribunale. L'uomo, di 30 anni, è stato accusato di estorsione e ricatto, nonché di violazione della legge sulla droga.

L'imputato ha spiegato che aveva nascosto mezzo chilo di cocaina nel garage dell'auto di un amico per conto di uno spacciatore albanese. Una settimana dopo, la droga era scomparsa. Solo due anni dopo ha saputo che lo stupefacente era stato rubato da B. Per farlo parlare, ha chiamato i due "mafiosi albanesi". Ha spiegato al giudice che anche lui era "in uno stato di shock" al momento dei fatti. Quando gli fu chiesto perché non aveva fatto nulla quando i "mafiosi" puntarono una pistola contro B., ha ammesso che aveva paura che la situazione gli sfuggisse di mano.

Il processo ha rivelato che l'imputato era stato coinvolto in diversi casi di droga in passato. Ha anche commesso diversi furti nel canton Zurigo, ogni volta in club di scambisti o bordelli. Alla fine, il trentenne è stato condannato a 30 mesi di prigione, di cui 11 mesi sospesi. Dato che non ha fatto nulla di illegale negli ultimi tre anni e ha trovato un lavoro permanente, la sua pena sarà molto probabilmente ulteriormente ridotta durante la detenzione. Le altre persone coinvolte nella vicenda saranno processate in processi separati.

Guarda anche 

Ci sono anche due città svizzere nella top ten delle città con la migliore qualità di vita

Ci sono anche due città svizzere nella classifica annuale dell'Economist Intelligence Unit (EIU) delle città più vivibili, pubblicata marted&igra...
10.06.2021
Mondo

Accusato di avere ucciso la moglie e la cognata, rischia ergastolo e espulsione

Un uomo di 57 anni, di nazionalità kosovara e residente nel canton Argovia, si trova sotto processo da lunedì con l'accusa aver ucciso la moglie 38enne ...
09.06.2021
Svizzera

Sposa una svizzera ma intanto fa figli con una connazionale: revocato il passaporto

È stata una segnalazione anonima a far naufragare il matrimonio tra una cittadina svizzera e il suo marito ivoriano, di 25 anni più giovane di lei. “G...
03.06.2021
Svizzera

Zurigo: poliziotti aggrediti a colpi di sassi, bottiglie e fuochi di artificio

La polizia cittadina di Zurigo ha dovuto intervenire la scorsa notta a seguito di numerose segnalazioni di un party illegale a Hasenrain, nel Kreis 9. Giunti sul posto, g...
29.05.2021
Svizzera