Svizzera, 05 giugno 2021

"Rapito e poi picchiato con una pistola puntata alla tempia", prima condanna in una vicenda di droga sfuggita di mano

Assomiglia alla trama di un film la vicenda descritta in una sentenza del tribunale distrettuale di Winterthur (ZH). Come riportato venerdì dal "Tages-Anzeiger", un uomo si trova sotto processo per aver picchiato e minacciato, insieme a un complice, una persona che credeva gli avesse rubato della cocaina. La vittima, tale B., nell'aprile 2017 era stato avvicinato da due individui in una zona residenziale di Winterthur. Dopo essere stato schiaffeggiato e poi colpito i due lo hanno portato in un appartemento della zona. Lì fu "accolto" da un gruppo di uomini. Due di loro hanno affermato di essere membri della mafia albanese. Il loro obiettivo: fargli confessare un furto di cocaina.

B. fu messo su una sedia e picchiato in modo che rivelasse dove si trovava la droga. Ma quando si rifiutò di rispondere, uno dei due "mafiosi albanesi" estrasse una pistola carica e gliela puntò alla testa. L'uomo ha poi minacciato di uccidere lui e la sua famiglia se non avesse confessato. Infine, B. ha confessato di aver rubato la coca e ha promesso di pagare 40'000 franchi di risarcimento ai suoi aggressori.

Una volta libero, B. ha immediatamente denunciato i fatti alla polizia. Uno degli aggressori che lo ha attirato nell'appartamento con l'inganno è comparso giovedì davanti al tribunale. L'uomo, di 30 anni, è stato accusato di estorsione e ricatto, nonché di violazione della legge sulla droga.

L'imputato ha spiegato che aveva nascosto mezzo chilo di cocaina nel garage dell'auto di un amico per conto di uno spacciatore albanese. Una settimana dopo, la droga era scomparsa. Solo due anni dopo ha saputo che lo stupefacente era stato rubato da B. Per farlo parlare, ha chiamato i due "mafiosi albanesi". Ha spiegato al giudice che anche lui era "in uno stato di shock" al momento dei fatti. Quando gli fu chiesto perché non aveva fatto nulla quando i "mafiosi" puntarono una pistola contro B., ha ammesso che aveva paura che la situazione gli sfuggisse di mano.

Il processo ha rivelato che l'imputato era stato coinvolto in diversi casi di droga in passato. Ha anche commesso diversi furti nel canton Zurigo, ogni volta in club di scambisti o bordelli. Alla fine, il trentenne è stato condannato a 30 mesi di prigione, di cui 11 mesi sospesi. Dato che non ha fatto nulla di illegale negli ultimi tre anni e ha trovato un lavoro permanente, la sua pena sarà molto probabilmente ulteriormente ridotta durante la detenzione. Le altre persone coinvolte nella vicenda saranno processate in processi separati.

Guarda anche 

Frontaliere condannato a 30 anni di carcere per aver ucciso una prostituta

Un lavoratore frontaliere francese è stato condannato in appello a 30 anni di carcere per aver ucciso nel 2016 una prostituta rumena a Sullens, nel canton Vaud. La...
25.09.2021
Svizzera

Proprietario di un'agenzia adescava giovani modelli per molestarli, condannato

Il proprietario di un'agenzia di modelli di Zurigo è finito a processo con l'accusa di aver molestato diversi giovani uomini in un periodo di diversi anni....
23.09.2021
Svizzera

Pesanti condanne per un caso di corruzione alla SECO, "il più grave da decenni nella storia svizzera"

Per quindici giorni il Tribunale penale federale di Bellinzona nel mese di agosto si è occupato di uno dei più grandi casi di corruzione nella storia del...
19.09.2021
Svizzera

Fa ricorso per una multa per divieto di sosta, alla fine dovrà pagare 15 volte tanto

Succede, talvolta, che quando si fa ricorso per una multa, si riesce a farla annullare, o comunque ridurre l'importo, quando si è convinti di non aver commesso...
18.09.2021
Svizzera