Sport, 24 maggio 2021

Un guizzo, uno shutout: la Svizzera va

Seconda vittoria in due partite per la nostra Nazionale che contro la Danimarca ha creato molto e ha concesso pochissimo: i quarti sono vicini

RIGA (Lettonia) – A ogni Mondiale l’obiettivo minimo per la nostra Nazionale è quello dei quarti di finale. E quest’anno, visto che dopo 2 partite la Svizzera ha già incamerato 6 punti mentre formazioni blasonate come la Svezia e la Repubblica Ceca sono ancora ferme al palo, il traguardo sembrerebbe davvero facilmente a portata di mano.
 
 
Non solo perché la squadra di Fischer continua a macinare gioco, non solo perché ha a disposizione delle bocche da fuoco micidiali (leggasi Hofmann e/o Meier, autore della rete decisiva ieri e già salito a quota 3 centri), ma anche perché la retroguardia rossocrociata sembrerebbe essere molto ma molto granitica. Contro la Danimarca, nel secondo impegno iridato, Berra – schierato al posto di Genoni – ha chiuso
il match con uno shutout e con soli 4 tiri ricevuti.
 
 
Che non sarebbe stata una partita facile lo si sapeva, anche perché Boedker e compagni sono bravi a chiudersi e a imbrigliare il gioco dei rivali, ma la Svizzera non si è persa d’animo ed è stata capace di costruire sul guizzo di Meier la sua vittoria, la seconda consecutiva, issandosi in testa alla classifica del suo girone, alla pari della Russia e della Slovacchia, mettendo una seria ipoteca sul prosieguo del cammino.
 
 
La sfida di ieri ha sottolineato ancora una volta come Fischer abbia a disposizione un organico completo su tutto il fronte, un complesso capace sia di soffrire e di immolarsi, sia di colpire e punire al momento giusto. Che dire? Speriamo di continuare così…

Guarda anche 

Dal Parlamento un primo passo verso un divieto del velo islamico nelle scuole

In Svizzera potrebbe presto essere vietato di indossare il velo islamico nelle scuole. Il Consiglio nazionale ha infatti approvato un postulato in questo senso con 104 vo...
12.06.2024
Svizzera

“Sì, era rigore”. Ma come si fa ad accettarlo in epoca VAR?

LUGANO – Ormai qualche giorno è passato, quel gusto amaro della sconfitta, della beffa, dell’occasione mancata è iniziato a passare. In casa Lug...
04.06.2024
Sport

Il triste e immeritato “addio” del Sabba

LUGANO – Il giorno dopo si ragiona meglio, a mente fredda, con meno crampi alla pancia ma con qualche pensiero in più. Non per forza più lucido, ma si...
03.06.2024
Sport

Quando il “come” fa più male della sconfitta

LUGANO – Nello sport, e nel calcio in particolare, le frasi fatte, le frasi retoriche spesso e volentieri si sprecano. Si dice, quando si perde, che “si esce ...
03.06.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto