Svizzera, 19 maggio 2021

Coronavirus: il Consiglio federale concretizza l’impiego del certificato COVID

Tutte le persone in Svizzera dovranno avere accesso al certificato COVID. Grazie a questo attestato, rilasciato a chi è vaccinato, guarito o risultato negativo al test, saranno di nuovo possibili anche le grandi manifestazioni e potranno riaprire le strutture in cui il rischio di infezione è più elevato, quali le discoteche o i club. Il certificato sarà probabilmente richiesto anche per i viaggi internazionali. Nella sua seduta del 19 maggio, il Consiglio federale ha discusso dell’impiego del certificato e definito la linea delle proposte che sottoporrà ai Cantoni, alle parti sociali e alle commissioni parlamentari. Il certificato non sarà impiegato in luoghi della vita quotidiana, quali i trasporti pubblici, la scuola, i negozi o il posto di lavoro. Il suo impiego non è previsto, ma possibile, nei ristoranti, nelle sale cinematografiche o a manifestazioni con meno di 1000 persone.

I provvedimenti adottati per contrastare la propagazione del coronavirus limitano in parte fortemente le libertà individuali. Il certificato COVID permetterà di svolgere nuovamente determinate attività durante un periodo di transizione. Grazie a questo attestato qualsiasi persona potrà provare di essere immune al virus (perché vaccinata o guarita) o che la probabilità che sia contagiosa è molto bassa (perché risultata negativa a un test effettuato di recente). Anche chi non può o non vuole farsi vaccinare avrà la possibilità di ottenere un certificato sottoponendosi a un test per il coronavirus. I test fai da te non sono sufficienti per ottenere un certificato perché non sono abbastanza precisi. Ai bambini e agli adolescenti fino a 16 anni sarà accordato un accesso generale senza certificato COVID.

Il Consiglio federale intende impiegare il certificato soltanto per il tempo necessario. L'obiettivo è di ridurre gradualmente, fino ad abrogarle del tutto, le prescrizioni per i piani di protezione seguendo il modello a tre fasi. Per l’impiego del certificato il Consiglio federale distingue tre settori:

Settore verde: impiego del certificato escluso

Il primo settore - quello verde - comprende i luoghi della vita quotidiana e i contatti con le autorità. Qui il certificato è esplicitamente escluso poiché sono in gioco compiti dello Stato o libertà e diritti fondamentali. In questo settore rientrano per esempio le manifestazioni private e religiose, i trasporti pubblici, i negozi, il posto di lavoro e la scuola.

Settore arancione: l’impiego del certificato evita chiusure o è volontario

Il secondo settore - quello arancione - include i luoghi che rientrano soltanto parzialmente nella vita quotidiana, ma che sono
frequentati da un gran numero di persone. Quali esempi si possono citare i bar e i ristoranti, le manifestazioni, le strutture ricreative, sportive e per il tempo libero, le società sportive e culturali o le visite a ospedali e case di cura. Qui l’impiego del certificato non è previsto. Tuttavia, se la situazione epidemiologica dovesse peggiorare e vi fosse il rischio di un sovraccarico del sistema sanitario, l’accesso sarà limitato alle persone con un certificato COVID per evitare chiusure. Al momento, grazie all’andamento della campagna di vaccinazione, c’è motivo di credere che non sarà necessario.

In questo settore, in cui entrano in gioco rapporti legali tra privati, sarà tuttavia possibile impiegare il certificato su base volontaria fino a quando non potranno essere revocate le prescrizioni per i piani di protezione. Un ristorante, un cinema o un centro fitness potrà, per esempio, limitare l’accesso a persone con un certificato COVID per rinunciare a piani di protezione, a limitazioni della capienza o all’obbligo della mascherina.

Settore rosso: l’impiego del certificato permette riaperture

Il terzo settore - quello rosso - include il traffico internazionale di passeggeri e i luoghi sensibili dal punto di vista epidemiologico, quali le grandi manifestazioni o le discoteche. Probabilmente molti Stati richiederanno un certificato COVID all’ingresso. Per le grandi manifestazioni così come per i club e le discoteche, l’impiego del certificato è previsto nella strategia di riapertura del Consiglio federale. Anche qui dovrà però essere limitato nel tempo. Per le grandi manifestazioni, il Consiglio federale prevede una riapertura con un aumento graduale del numero massimo di persone.

Attuazione del certificato

Il Consiglio federale ha concretizzato oggi l’impiego del certificato. I dettagli della sua attuazione e le pertinenti modifiche di ordinanza saranno posti in consultazione l’11 giugno. Una decisione dovrebbe essere presa il 18 giugno. È previsto che i primi certificati saranno rilasciati gradualmente a partire dal 7 giugno. L’attestato sarà messo a disposizione della popolazione al più tardi alla fine di giugno, quando primi provvedimenti saranno associati al suo impiego. L’Ufficio federale dell’informatica e della telecomunicazione sta lavorando per realizzare un attestato compatibile con l’UE, sicuro e il più semplice possibile. I lavori procedono secondo i piani. Il codice sorgente sarà reso pubblico. Con il certificato, il Consiglio federale attua un mandato del Parlamento, che nella scorsa sessione primaverile aveva inserito una nuova disposizione nella legge COVID-19 (art. 6a).

Guarda anche 

Addio alla mascherina all'aperto da fine mese?

Lunedì 28 giugno 2021, il Consiglio federale intende procedere a ulteriori allentamenti. Tra questi, la revoca dell’obbligo della mascherina all’ape...
11.06.2021
Svizzera

Coronavirus in Svizzera, il bollettino nazionale

In Svizzera, nelle ultime 24 ore, sono stati registrati 354 nuovi contagi da coronavirus. Un dato – fa sapere l'Ufficio federale della sanità pubblica &n...
11.06.2021
Svizzera

I parlamentari a Berna dovranno rivelare le loro nazionalità. Greta Gysin è contrariata

Con 115 voti contro 64, il Consiglio nazionale ha approvato ieri una modifica dell’ordinanza sull’amministrazione del parlamento, che prevede che in futuro i ...
11.06.2021
Svizzera

Ada Marra chiede che le persone in assistenza non debbano più rimborsare gli aiuti ricevuti

"Per combattere la povertà, alcuni criteri di accesso all'assistenza sociale devono essere rivisti. La consigliera nazionale socialista Ada Marra ha prese...
11.06.2021
Svizzera