Svizzera, 15 aprile 2021

"Berset non ha il controllo né del Covid né dell'UFSP"

Il gigante farmaceutico svizzero Roche, in collaborazione con la società americana Regeneron, ha sviluppato un farmaco fortemente promettente contro il Covid-19. La Germania ha già ordinato 200'000 dosi del farmaco, e negli Stati Uniti ha ricevuto un'approvazione di emergenza. La Svizzera invece sarebbe in ritardo nell'ordinazione del farmaco, e questo nonostante le pressioni dei politici per accelerare i negoziati con Roche.

L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha detto che i negoziati sono in corso, mentre l'approvazione di Swissmedic è ancora in sospeso. Per l'UDC, questo è l'ennesimo caso gestito male dall'UFSP e dal suo capo, il consigliere federale Alain Berset.

Dopo il piano pandemico "inutilizzabile", la "debacle delle maschere", il "database delle vaccinazioni difettoso" e la "fornitura inadeguata di vaccini", per il capogruppo parlamentare dell'UDC Thomas Aeschi, questo caso è la goccia che fa traboccare il vaso. Il fatto che l'UFSP non sia ancora una volta intervenuto sui medicinali della Roche dimostra che "più di un anno dopo l'inizio della pandemia, Alain Berset non ha ancora organizzato l'UFSP in modo tale da agire come un team di gestione della crisi in una situazione di emergenza".

Secondo Aeschi, è quindi chiaro che è necessario un team di crisi per assumere le posizioni chiave nell'UFSP e sollevare Berset dalle sue responsabilità. "Abbiamo bisogno di persone che abbiano esperienza nella gestione delle crisi. Questo include persone dell'UFSP, ma anche, per esempio, persone
con un background militare che sono abituate a trattare con situazioni estreme". Anche Marco Chiesa, presidente dell'UDC, ritiene che "è incomprensibile che l'UFSP non vada avanti con i negoziati. Secondo Chiesa, questi ritardi potrebbero costare caro alla popolazione svizzera in termini sanitari, economici e sociali. Aggiunge che "la Svizzera avrebbe dovuto essere all'avanguardia" e conclude duramente: "Sembra che il capo della Sanità, Alain Berset, non abbia il controllo né del dossier Covid né del suo UFSP".

Le critiche contro Berset arrivano anche dagli ambienti economici. "Le incongruenze si stanno accumulando", dice Roland Müller, capo dell'associazione dei datori di lavoro, che ritiene anche che l'UFSP dovrebbe essere rafforzato nella gestione delle crisi. Eppure, anche se il DDPS ha persone con esperienza nella gestione delle crisi che potrebbero sostenere l'UFSP, il loro know-how non viene utilizzato. "Questo è incomprensibile", dice Müller.

Berset e l'UFSP sono però difesi dal capogruppo parlamentare del PS Roger Nordmann: "Nel caso del vaccino, si è scoperto che la Svizzera ha ottenuto molto presto molte dosi degli unici due vaccini, e finora non sono sorti problemi". Il fatto che alcuni politici borghesi critichino solo durante la crisi è patologico, secondo il socialista: "L'UDC dovrebbe essere felice che Alain Berset, l'UFSP e Swissmedic stiano facendo un così buon lavoro e non si lascino sfruttare. Ciò di cui abbiamo urgente bisogno è una vaccinazione contro i sapientoni".

Guarda anche 

"Il Consiglio federale faccia pagare i test 'fai da te' dei frontalieri ai paesi di provenienza"

Il Consiglio federale dovrebbe far pagare i test fai dai te dei frontalieri attivi in Svizzera ai rispettivi paesi di provenienza. È quanto chiede il consigliere n...
04.05.2021
Svizzera

Mascherine, tamponi e distanze sociali? L’Inter è campione e a Milano succede di tutto…

MILANO (Italia) – Era solo questione di giorni o di ore e ieri pomeriggio, col pareggio maturato a Reggio Emilia tra Sassuolo e Atalanta è diventato realt&ag...
03.05.2021
Sport

Dottoressa in Svizzera accusata di fornire tamponi post-datati: "Tra italiani ci si aiuta"

Noi non guardiamo “Striscia la notizia”. Ma i redattori del Corriere del Ticino sì, ciò che ha permesso loro di scoprire un servizio interessant...
02.05.2021
Svizzera

Il costo dei tamponi dei frontalieri? Deduciamolo dai ristorni

Dal 7 aprile è possibile ritirare in farmacia i test “fai da te” per rilevare il coronavirus. Già prima di Natale la Lega dei Ticinesi ha solle...
13.04.2021
Opinioni