Svizzera, 09 aprile 2021

L’ex imam della moschea di Winterthur ordina omicidi dal carcere

Azad M., l’ex imam della moschea An’Nur di Winterthur, è stato scoperto mentre dal carcere ordinava degli omicidi.
 
A svelarlo è il Tages Anzeiger, riferendo di almeno due episodi in cui il 53enne curdo di nazionalità irachena ha sfruttato le telefonate che gli vengono concesse in carcere per chiedere l’eliminazione di determinate persone.
 
Azad M. si trova attualmente nel carcere di Frauenfeld, dopo essere stato condannato nell’ottobre scorso dal Tribunale penale federale di Bellinzona a 70 mesi di reclusione e a 15 anni di espulsione dalla Svizzera per “sostegno e partecipazione all’organizzazione nota come Stato islamico”.
 
Egli è stato riconosciuto colpevole di aver agito a più riprese dalla Svizzera per conto dell’ISIS, fra le altre cose preparando attentati suicidi. Il 53enne, dipendente dall’assistenza pubblica,
ha inoltre inviato soldi ai combattenti jihadisti. I giudici hanno ritenuto che avesse un ruolo piuttosto importante nell’organizzazione islamica.

Giunto in Svizzera come richiedente l’asilo nel 1998, la sua domanda d’asilo era stata respinta. Ma lui non se ne era mai andato. Era rimasto qui a incitare all’odio, in particolare alla moschea An’Nur di Winterthur, nel frattempo chiusa.
 
Il Ministero pubblico della Confederazione ne aveva chiesto l’internamento a vita, ritenendo alto il rischio di recidiva.
 
E in effetti aveva ragione, visto che il 53enne continua a pianificare omicidi anche dalla sua cella. È stato ammonito una prima volta, dopo che un’interprete aveva ascoltato la sua telefonata, ma ciò non gli ha impedito di ripetersi.
 
Il Tages Anzeiger non spiega se e quali provvedimenti verranno presi nei suoi confronti.

Guarda anche 

Una corsa da Cantello a Stabio: gli spari, la morte, il suicidio. Una mezz’ora di gelosia e di follia

STABIO – Iniziano a delinearsi sempre di più gli elementi di quanto avvenuto ieri sera dalle 18:30 in poi tra Cantello e Stabio, dove un 51enne ha prima ucci...
26.07.2022
Ticino

Si masturba davanti a una donna nella spiaggia nudisti: 46enne ucciso a colpi di fucile

VAULX-EN-VELIN (Francia) – Un uomo di 46 anni che si stava masturbando davanti a una donna in una spiaggia per nudisti è stato ucciso a colpi di fucile. Il f...
26.07.2022
Magazine

Quattro anni di carcere e espulsione per aver tentato di uccidere una donna conosciuta su Internet

Il Tribunale distrettuale dell'Alto Vallese ha condannato un medico tedesco per avere quasi ucciso una donna conosciuta tramite la popolare app di incontri Tinder....
12.07.2022
Svizzera

L'imam che auspicava la distruzione delle altre religioni sarà espulso, ma niente carcere

Il predicatore islamico che in un sermone auspicava la distruzione dei seguaci delle altre religioni è stato condannato a una pena detentiva sospesa e all'espu...
22.06.2022
Svizzera