Sport, 21 marzo 2021

È il gran momento di Bottani ispira, segna e il Lugano va

La squadra bianconera metto sotto anche il Basilea (stavolta in rimonta)

LUGANO -  Mattia Bottani sta probabilmente disputando la sua miglior stagione da quando veste la maglia bianconera e cioè da una eternità. Il fantasista bianconero, che per troppo tempo (anche a causa degli infortuni) è parso un calciatore incompiuto, è finalmente esploso fragorosamente ed ora è diventato davvero uno dei giocatori più forti nel suo ruolo del campionato svizzero. Affermare che sia da “nazionale” è forse esagerato, ma prima o poi, se continuerà con questo passo e con questa verve realizzativa, la sua candidatura non sarà affatto fuori luogo.

Bottani dunque: sì, perché è stato l’enfant du pays insieme a Lovric a decidere la partita contro il Basilea e a dare un calcio ad un tabù fastidioso: quello di una squadra che in casa non vinceva da quattro mesi (e l’ultima fu proprio con un gol suo e sempre ai danni dei renani: era la fine di novembre dello scorso anno). Ma non solo: coni tre punti conquistati ieri sera nel freddo di Cornaredo, i bianconeri confermano di essere in costante progresso e la classifica torna a farsi davvero interessante dopo un periodo di crisi e preoccupazione.

In breve: dopo aver intravvisto la zona a rischio, adesso Maric e soci tornano a flirtare con il secondo posto che, in attesa di Servette-Vaduz, si trova ad un solo punto. Bene. Ora si tratta di confermare il
buon momento, l’Europa è tornata a sorridere. 

Diversamente da quanto si era visto nel Principato settimana scorsa, Mister Jacobacci ha schierato solo una punta (Ardaiz, stavolta meno brillante) e ha consegnato la regia a Sabbatini. I bianconeri hanno iniziato comunque a tambur battente mettendo in difficoltà un Basilea inizialmente timoroso. Poi, però, come spesso succede nel calcio ecco che gli ospiti si sono portati in vantaggio grazie al solito Baumann, che ne ha combinata un’altra delle sue, regalando la rete a Cabral con una uscita a farfalle. Da non credere.

I padroni di casa non si sono però persi d’animo e Bottani li ha presi letteralmente per mano, comandando l’attesa rimonta. Per la cronaca: il vantaggio degli ospiti era decisamente immeritato. Nel secondo tempo Jaobacci ha schierato Abubakar per Kecskes (un attaccante per un difensore) e la mossa si è rivelata azzeccata, al punto che il Basilea è stato preso d’assalto. Così al 60’ Lovric ha siglato il pareggio con un gran gol. E al 76’ è poi arrivato il meritato vantaggio con Bottani che ha fatto esplodere la panchina dei bianconeri e i tifosi che si erano sistemati fuori dallo stadio. La rimonta era compiuta.

Poi nel finale Baumann si è salvato la baracca con un grande intervento. Anche per lui un momento di gloria dopo i noti svarioni.

BILL CASTELLI

Guarda anche 

Ciao Vlahovic: la Fiorentina ricopre d’oro il Basilea

BASILEA – La “bomba” di mercato lanciata in questi giorni da diverse testate italiane, e confermata nella serata di ieri dal ds della Fiorentina, Prad&e...
25.01.2022
Sport

“Il titolo? Niente stress, YB squadra da battere”

ZURIGO - Lo Zurigo non vince il campionato dal 2009. Sono passati 13 anni e nel frattempo la squadra biancoazzurra ha vissuto una traumatica relegazione in Challenge...
25.01.2022
Sport

Il Lugano vince il derby amichevole di Chiasso

CHIASSO - "Sono globalmente soddisfatto della prestazione dei ragazzi. Hanno giocato una buona partita, con intensità e ritmo. Hanno sbagliato qualche qualche...
23.01.2022
Sport

Mercato, dove andrà Alessandro Chiesa? Ambrì Piotta e Ajoie in pole position

LUGANO - Quale futuro per Alessandro Chiesa, ultimo bianconero rimasto della squadra che vinse nel 2006 il settimo titolo, il più bello e rocamboles...
24.01.2022
Sport