Ticino, 11 marzo 2021

Cinque anni al barista frontaliere che abusava delle cameriere minorenni

La Corte di appello e di revisione penale ha inasprito ieri la condanna a carico di un 37enne italiano residente in Italia che nel maggio 2019 aveva abusato sessualmente di due ragazze minorenni a Mendrisio.
 
Il 37enne – come di legge sul Corriere del Ticino e su La Regione – era stato in un primo tempo condannato a 4 anni e 9 mesi di carcere per ripetuta, tentata e consumata coazione sessuale e violenza carnale. Ieri la Corte di appello ha portato la pena a 5 anni di carcere, prosciogliendolo da un tentativo di violenza carnale ma riconoscendolo colpevole di altri tre episodi di coazione sessuale.
È inoltre confermata l’espulsione dalla Svizzera per 10 anni.
 
L’uomo, sposato e padre di tre figli in tenera età, era il gerente di un esercizio pubblico a Mendrisio. Aveva sfruttato la sua posizione per molestare sessualmente due ragazze – di 15 e 17 anni – che erano state assunte come aiutanti in prova. Una delle due era riuscita a divincolarsi, l’altra era stata stuprata. Già nel corso del primo processo, dopo aver inizialmente cercato di addossare la responsabilità alle ragazze, il 37enne aveva sostanzialmente ammesso i fatti.

Guarda anche 

Riceve 35'000 franchi al mese dall'ex marito ma gli saccheggia la casa di vacanza

È una vicenda piuttosto curiosa quella descritta in una sentenza in cui una donna francese viene condannata per aver "svaligiato" la casa di vacanza dell...
05.05.2021
Svizzera

Condannato il ladro di Montagnola, ma il fratello è ancora in fuga con la refurtiva

È stato condannato a una pena di dieci mesi di carcere, sospesi condizionalmente, il 23enne cittadino croato che nell’estate 2019 rubò oggetti prezios...
04.05.2021
Ticino

Condannato ed espulso, ma potrà restare in Svizzera

Venti mesi di detenzione, delle misure terapeutiche stazionarie e otto anni di espulsione dalla Svizzera. È questa la sentenza pronunciata dal tribunale di Bienne ...
22.04.2021
Svizzera

Ha spacciato per anni a Lugano: niente carcere né espulsione

Non andrà in carcere né sarà espulso dalla Svizzera il 45enne nigeriano comparso stamattina in aula a Lugano con l’accusa di aver spacciato coc...
21.04.2021
Ticino