Sport, 12 marzo 2021

«Brutale stupro»: ecco le motivazioni della condanna di Robinho

L’ex attaccante del Milan e un amico sono stati condannati anche a versare 60'000 Euro alla vittima

MILANO (Italia) – La Corte d’Appello di Milano ha reso note le motivazioni della sentenza che a dicembre ha confermato le condanne a 9 anni di carcere per Robinho e per un amico, Ricardo Falco, per violenza sessuale di gruppo su una ragazza che nel 2013, al momento dei fatti, aveva 23 anni.
 
 
Il giocatore, che vestiva la maglia del Milan, e il suo “complice” hanno manifestato “particolare disprezzo” nei confronti “della vittima che è stata brutalmente umiliata”. Inoltre il gruppo “ha da subito cercato di sviare le indagini offrendo agli inquirenti una versione dei fatti falsa e previamente concordata”.
 
 
Con queste motivazioni la Corte ha accolto la richiesta del sostituto pg di Milano, che aveva già smontato le consulenze tecniche fornite da Robinho. A fronte delle “floride condizioni economiche” di Robinho “decantate dalla difesa e che avrebbero costituito l’obiettivo ultimo della denuncia, egli non ha inteso avanzare neppure un’offerta risarcitoria che, anche nella prospettiva difensiva di una mancata percezione del dissenso, avrebbe potuto trovare spazio”.
 
 
Stando alle indagini, Robinho e 4 complici, la sera del 22 gennaio 2012 avrebbero fatto bere la ragazza fino al punto da renderla incosciente e poi l’avrebbero violentata in un guardaroba di un noto locale della movida milanese, dove la giovane si era recata per festeggiare il compleanno. I due sono stati condannati anche a versare 60'000 Euro alla vittima, oltre ai 9 anni di carcere. Scontato il ricorso delle difese in Cassazione: nel frattempo Robinho se ne resta in Brasile.

Guarda anche 

La Svizzera ringrazia l’YB… e quel rinvio col Lugano ora fa meno discutere

BERNA – Battere Cristiano Ronaldo. Superare il Manchester United. Diventare la seconda squadra contro cui il fenomeno portoghese ha sempre e solo perso in carriera,...
15.09.2021
Sport

In fuga dall’Afghanistan e dai Talebani: la nazionale di calcio femminile trova riparo

ISLAMABAD (Pakistan) – In fuga dall’Afghanistan, in fuga dai talebani. In fuga dalle assurde regole che (tra le tante aberrazioni anche più gravi) viet...
16.09.2021
Sport

Clamoroso: in FIFA 22 non ci sarà la Svizzera!

BERNA – C’è sgomento anche in seno alla Federazione svizzera di calcio: la Nazionale rossocrociata, infatti, sarà una delle squadre che non sara...
14.09.2021
Sport

Anche col “Crus” il Lugano continua a convincere

LUGANO – “Senza Maric neanche gioco”. Così aveva parlato nella consueta conferenza stampa pre partita Matti Croci-Torti, alla vigilia della sua p...
13.09.2021
Sport