Ticino, 09 marzo 2021

Potrà restare in Svizzera la famiglia azera che si oppose all'espulsione

Avrebbero già dovuto lasciare la Svizzera nel settembre 2018, dopo che la SEM aveva respinto le loro domande d’asilo. Ma, come si ricorderà, la donna azera i suoi due figli si rifiutarono di imbarcarsi sull’aereo a Kloten, dopo che erano stati prelevati dalla pensione La Santa di Viganello, dove erano alloggiati.

Da allora la famiglia ha continuato a restare in Ticino, sebbene non ne avesse alcun diritto. E ora la sua perseveranza nell’illegalità è stata premiata. Come si legge su La Regione, la SEM ha infatti deciso di concedere il permesso B non solo alla donna e ai suoi due figli, ma anche al padre, che all’epoca si trovava ancora in Azerbaigian.

A rappresentare la famiglia nella causa sono stati gli avvocati Immacolata Iglio Rezzonico e Paolo Bernasconi, che ora parlano di “vittoria”.

Guarda anche 

Frontaliere condannato a 30 anni di carcere per aver ucciso una prostituta

Un lavoratore frontaliere francese è stato condannato in appello a 30 anni di carcere per aver ucciso nel 2016 una prostituta rumena a Sullens, nel canton Vaud. La...
25.09.2021
Svizzera

Proprietario di un'agenzia adescava giovani modelli per molestarli, condannato

Il proprietario di un'agenzia di modelli di Zurigo è finito a processo con l'accusa di aver molestato diversi giovani uomini in un periodo di diversi anni....
23.09.2021
Svizzera

Pesanti condanne per un caso di corruzione alla SECO, "il più grave da decenni nella storia svizzera"

Per quindici giorni il Tribunale penale federale di Bellinzona nel mese di agosto si è occupato di uno dei più grandi casi di corruzione nella storia del...
19.09.2021
Svizzera

Fa ricorso per una multa per divieto di sosta, alla fine dovrà pagare 15 volte tanto

Succede, talvolta, che quando si fa ricorso per una multa, si riesce a farla annullare, o comunque ridurre l'importo, quando si è convinti di non aver commesso...
18.09.2021
Svizzera