Ticino, 09 marzo 2021

Potrà restare in Svizzera la famiglia azera che si oppose all'espulsione

Avrebbero già dovuto lasciare la Svizzera nel settembre 2018, dopo che la SEM aveva respinto le loro domande d’asilo. Ma, come si ricorderà, la donna azera i suoi due figli si rifiutarono di imbarcarsi sull’aereo a Kloten, dopo che erano stati prelevati dalla pensione La Santa di Viganello, dove erano alloggiati.

Da allora la famiglia ha continuato a restare in Ticino, sebbene non ne avesse alcun diritto. E
ora la sua perseveranza nell’illegalità è stata premiata. Come si legge su La Regione, la SEM ha infatti deciso di concedere il permesso B non solo alla donna e ai suoi due figli, ma anche al padre, che all’epoca si trovava ancora in Azerbaigian.

A rappresentare la famiglia nella causa sono stati gli avvocati Immacolata Iglio Rezzonico e Paolo Bernasconi, che ora parlano di “vittoria”.

Guarda anche 

Dieci anni di carcere ai migranti che incendiarono il campo profughi di Moria

Il tribunale greco di Chios ha condannato oggi i quattro giovani afgani che nel settembre 2020 incendiarono e devastarono il campo profughi di Moria, sull’isola di ...
13.06.2021
Mondo

"Rapito e poi picchiato con una pistola puntata alla tempia", prima condanna in una vicenda di droga sfuggita di mano

Assomiglia alla trama di un film la vicenda descritta in una sentenza del tribunale distrettuale di Winterthur (ZH). Come riportato venerdì dal "Tages-Anzeige...
05.06.2021
Svizzera

Espulso nel 1997, è ancora in Svizzera (e probabilmente ci resterà)

La sua domanda d’asilo è stata respinta il 26 agosto 1997. Ma lui è ancora qui. E molto probabilmente potrà restarci, visto che nel frattempo i...
04.06.2021
Svizzera

Sposa una svizzera ma intanto fa figli con una connazionale: revocato il passaporto

È stata una segnalazione anonima a far naufragare il matrimonio tra una cittadina svizzera e il suo marito ivoriano, di 25 anni più giovane di lei. “G...
03.06.2021
Svizzera