Ticino, 05 marzo 2021

Espulso per debiti, se la prende con la Posta

In assistenza e oberato dai debiti, un cittadino congolese deve lasciare il Ticino, dove vive dal 2009. Anche il Tribunale amministrativo cantonale (TRAM) ha in sostanza confermato la decisione con cui il 22 giugno 2020 la Sezione della popolazione del Dipartimento delle istituzioni gli ha negato il rilascio di un permesso di domicilio C e gli ha revocato il permesso di dimora B.
 
Nella sentenza pubblicata ierii dal TRAM si legge che al cittadino congolese, classe 1991, è stato revocato il permesso poiché “nonostante l’ammonimento inflittogli nel 2017 è da lungo tempo a carico dell’assistenza pubblica e oberato dai debiti”.
 
Lui ha contestato la decisione presentando un ricorso al Consiglio di Stato ma questi l’ha dichiarato irricevibile a causa del mancato versamento dell’anticipo.
 
Allora il congolese ha presentato un secondo ricorso, al TRAM, sostenendo di non aver pagato l’anticipo perché “La Posta non gli avrebbe lasciato
nella sua buca lettere l’avviso di ritiro di tale raccomandata”.
 
Ma dalle informazioni estrapolabili dal servizio “track and trace” della Posta è invece emerso che la raccomandata era giunta a destinazione. A causa dell’impossibilità di consegnarla direttamente al destinatario, il postino aveva depositato nella buca lettere dell’uomo un avviso di ritiro presso il più vicino ufficio postale.
 
D’altronde la raccomandata non avrebbe dovuto essere una sorpresa per il congolese. “Avendo inoltrato un ricorso dinnanzi al Consiglio di Stato – scrivono i giudici del TRAM – l’insorgente doveva attendersi che quest’ultima autorità gli avrebbe potuto notificare degli atti processuali”.
 
I giudici non hanno quindi dato seguito alla tesi di un presunto comportamento scorretto da parte del personale della Posta e hanno respinto il ricorso del cittadino congolese, per altro presentato in ritardo.

Guarda anche 

Medico condannato per aver ricevuto pagamenti dall'industria farmaceutica

L'ex primario dell'Ospedale cantonale di Sion è stato condannato in appello a 16 mesi di carcere sospeso per aver ricevuto finanziamenti dall'indust...
22.07.2022
Svizzera

Per tre anni fa finta di essere infortunato e si fa versare 120'000 franchi

Un muratore spagnolo è stato condannato dal tribunale di Sierre a una pena detentiva e all'espulsione per aver finto per oltre tre anni e mezzo di essere in...
20.07.2022
Svizzera

Madre condannata per aver accoltellato il figlio

Una madre è stata condannata a due anni di carcere per aver accoltellato il figlio, pena sospesa a favore di un trattamento terapeutico. I fatti si sono verific...
18.07.2022
Svizzera

Quattro anni di carcere e espulsione per aver tentato di uccidere una donna conosciuta su Internet

Il Tribunale distrettuale dell'Alto Vallese ha condannato un medico tedesco per avere quasi ucciso una donna conosciuta tramite la popolare app di incontri Tinder....
12.07.2022
Svizzera