Ticino, 02 marzo 2021

“Aiutiamo chi non ha mezzi per realizzare un sogno”

Mauro Caflisch parla di “I Believe In You”, la piattaforma sportiva di livello mondiale

"I believe in you" è una piattaforma di crowdfunding di caratura mondiale. Grazie all’impegno e alla grande dedizione del gruppo che la dirige e la guida, negli ultimi tempi è riuscita a fare la felicità di quegli atleti o atlete (molti giovani) che vogliono realizzare il loro sogno sportivo ma dispongono di mezzi molto limitati.

“Crediamo che le emozioni dello sport siano più forti quando le condividi con gli altri e che con l'aiuto di più persone possibili, ognuno possa realizzare i propri sogni sportivi!”, dice Mauro Caflisch, uno dei consulenti della piattaforma, che il Mattino della Domenica ha sentito nei scorsi giorni per conoscere meglio questa fondazione che in Ticino sta facendo proseliti.

La prima domanda è quasi scontata: di cosa si occupa “I believe In You”?
I Believe In You è una delle piattaforme di crowdfunding di maggior successo al mondo per progetti sportivi. Sosteniamo singoli atleti, squadre, eventi e interi club di tutti i livelli per raccogliere fondi per il loro progetto, fornendo la nostra piattaforma, il nostro know-how e la nostra comunità sportiva. I Believe In You è stata fondata dagli olimpionici Mike Kurt (canoa) e Fabian Kauter (scherma) e dallo specialista online Philipp Furrer. Crediamo molto in questa iniziativa, perché dal suo esito dipende il futuro e la gioia di molti atleti. Attualmente, in Svizzera abbiamo un team di 9 persone, tutti attivi o ex sportivi.

Il progetto è creato dai diretti interessati, dagli sportivi stessi…
Esatto, gli sportivi in cerca di sostegno finanziario possono creare un progetto di crowdfunding sul nostro sito. Una volta iniziato, li guidiamo attraverso il processo di creazione e forniamo consigli e supporto fino a quando il piano è pronto per essere lanciato. Una volta che il crowdfunding è decollato, sosteniamo gli sportivi con suggerimenti e consigli per comunicare con successo, allenandoli per tutto il periodo della campagna e cercando di collegarli con i partner e i contatti appropriati. Una volta che il progetto è stato completato nel miglior modo, ci assicuriamo che tutti i sostenitori diano loro contributi e che gli sportivi ricevano i soldi.

In Svizzera ci sono tanti giovani sportivi che vorrebbero realizzare un sogno ma non hanno soldi perpoterlo fare. Non è possibile chiedere fondi a organizzazioni come Sport Toto, Lotto oppure Gioventù e Sport?
Lo Stato offre aiuti attraverso Gioventù e Sport, che però vengono ridistribuiti attraverso cantoni e associazioni. È molto difficile per i singoli atleti ricevere qualcosa in questo modo. Pure Sport-Toto elargisce fondi per lo sport svizzero, ma non direttamente ai singoli atleti, ai quali è possibile ricevere soldi dalla “ Sporthilfe”(www.sporthilfe.ch), non prima di aver soddisfatto diverse condizioni, che a volte sono difficili. E così non tutti possono beneficiare di questo aiuto. Di conseguenza, succede che ci sono atleti che non ricevono nulla o troppo poco per approfittarne davvero.

La gente è generosa?
Sì. Il crowdfunding consiste principalmente nel mobilitare la propria rete
e chiedere sostegno. Così quando le persone ricevono richieste di sostegno da sportivi che già conoscono personalmente con un obiettivo concreto e un progetto chiaramente formulato, nella maggior parte dei casi sono anche molto generose e disposte a fare la loro parte per raggiungere l'obiettivo. Molte persone amano fare del bene e sono felici di contribuire ad una carriera sportiva di successo, dando così un senso alla loro donazione.


Sostenete anche sportivi d’elite.
Vero. Con noi, chiunque può iniziare un crowdfunding, dagli atleti dilettanti ad atleti d’élite. Ma il livello e le qualifiche non hanno importanza per noi. Anche interi club o squadre di tutte le leghe possono iniziare il loro crowdfunding. In molti sport, i migliori atleti sono alle prese con budget molto limitati e dipendono da sponsor e mecenati, siccome né premi elevati né fondi di marketing sono disponibili per loro.

Gli sportivi che mandano su internet i loro progetti appartengono a sport meno mediatici?
Non necessariamente. I nostri sport di maggior successo sono l'hockey su ghiaccio e il ciclismo. Quello che si può dire con certezza è che il crowdfunding sulla nostra piattaforma offre una buona opportunità agli sport cosiddetti minori di presentarsi a un vasto pubblico appassionato di discipline ludiche. Pertanto siamo molto popolari anche fra le discipline meno mediatiche.Posso dire che dal 2013 ad oggi sono stati finanziati 2600 progetti con successo. Ed abbiamo raccolto oltre ai 16 milioni di franchi.

Lavorate anche con altre nazioni?
La Sporthilfe austriaca è venuta a conoscenza della nostra piattaforma, dopodiché abbiamo lavorato insieme per lanciarla nel loro paese nel 2014. Oggi, la piattaforma opera in modo indipendente, ma siamo in costante scambio. In Francia, inoltre, nel 2018 è stata fondata IBIY France come soluzione successiva alla piattaforma (fallita) 'Fosburit'. Un team di due persone gestisce la piattaforma in Francia, con il controllo generale da parte svizzera.

Nell’associazione ci sono anche ex sportivi d’elite.
I Believe In You, come detto, è stato fondato dopo i Giochi olimpici del 2012 a Londra da Mike Kurt e Fabian Kauter, che hanno anche partecipato alla rassegna. Da allora, lavorano con noi altri sportivi d’elite come l'atleta Ellen Sprunger e l'ex giocatore di hockey su ghiaccio Manuel Zigerli.

Con la pandemia cos’è cambiato?
Quello che notiamo di più è che i grandi progetti (di infrastrutture), che dipendono da maggiori contributi di aziende o sponsor, stanno facendo più fatica al momento a causa della pandemia. Tuttavia, i crowdfunding più piccoli funzionano ancora bene, poiché il sostegno proviene da tanti contributi inferiori dall'ambiente più vicino (familiare) dei creatori di progetto. Un altro vantaggio del crowdfunding è che l'intero processo si svolge online e quindi non sono necessari contatti personali per avere successo, il che si adatta molto bene alla situazione attuale.

A.M.
 

Guarda anche 

Riaprono le porte del Casinò Lugano allo scoccare della mezzanotte

Lugano, Venerdì 16 aprile 2021: Riapre domenica 18 aprile alle 24.00, dopo più di quattro mesi di chiusura, il Casinò Lugano. “&Egra...
17.04.2021
Ticino

Coronavirus in Ticino: la situazione attuale

 Il sito del Cantone ha appena fornito l’aggiornamento odierno dei dati sull’emergenza Coronavirus. Alle 8:00 di oggi, sabato 17 aprile, si contano ...
17.04.2021
Ticino

Effetti del Covid-19, i sindacati chiedono un Osservatorio sul frontalierato

Convocare l’Osservatorio sul frontalierato per verificare dimensioni e numeri del fenomeno nell’anno del Covid-19. Ad avanzare la richiesta, come riferisce il...
17.04.2021
Ticino

Il Presidente del Consiglio di Stato in viaggio di lavoro a Roma

Dal 18 al 20 aprile, il Presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi sarà impegnato in un viaggio di lavoro a Roma: il programma prevede la sottoscrizione di un ...
16.04.2021
Ticino