Svizzera, 20 febbraio 2021

Lavoratore in nero arrestato ed espulso

Un lavoratore in nero è stato scoperto e arrestato lo scorso 10 febbraio in un esercizio pubblico di Baar, comunica ora la polizia cantonale di Zugo.

L’uomo, un 35enne bosniaco, è stato sorpreso mentre stava svolgendo dei lavori edili senza alcun tipo di autorizzazione. Era entrato illegalmente in Svizzera a metà dicembre 2020 e da allora era stato impiegato nella ristrutturazione dell’esercizio pubblico, senza permesso né
contratto di lavoro.

Il 35enne è già stato espulso dalla Svizzera, dopo essere stato condannato a una pena pecuniaria sospesa con la condizionale. Nei suoi confronti è stato emesso un divieto di ingresso in Svizzera della durata di 2 anni.

Il gerente dell’esercizio pubblico, un 31enne di nazionalità svizzera, deve invece ancora rispondere di diverse infrazioni alle legge federale sugli stranieri.

Guarda anche 

Spaccio di droga: espulsi un 54enne, i suoi due figli e suo genero

Il giudice l’ha definita “una piccola azienda famigliare” dedita allo spaccio di droga. Un 54enne italiano, i suoi due figli e il suo genero sono stati ...
19.06.2021
Svizzera

Espulso nel 1997, è ancora in Svizzera (e probabilmente ci resterà)

La sua domanda d’asilo è stata respinta il 26 agosto 1997. Ma lui è ancora qui. E molto probabilmente potrà restarci, visto che nel frattempo i...
04.06.2021
Svizzera

Migrante può restare in Svizzera perché è schizofrenico

In caso di rinvio in Nigeria molto difficilmente riuscirebbe a finanziarsi i costosi trattamenti farmacologici intrapresi in Svizzera per curare la sua schizofrenia paran...
23.05.2021
Svizzera

Aggredì e derubò una 78enne nel Locarnese: a sorpresa, sarà espulso

Sia gli avvocati difensori, Luca Marcellini e Demetra Giovanettina, sia la procuratrice pubblica, Margherita Lanzillo, avevano chiesto che si rinunciasse all’espuls...
22.05.2021
Ticino