Svizzera, 20 febbraio 2021

Lavoratore in nero arrestato ed espulso

Un lavoratore in nero è stato scoperto e arrestato lo scorso 10 febbraio in un esercizio pubblico di Baar, comunica ora la polizia cantonale di Zugo.

L’uomo, un 35enne bosniaco, è stato sorpreso mentre stava svolgendo dei lavori edili senza alcun tipo di autorizzazione. Era entrato illegalmente in Svizzera a metà dicembre 2020 e da allora era stato impiegato nella ristrutturazione dell’esercizio pubblico, senza permesso né
contratto di lavoro.

Il 35enne è già stato espulso dalla Svizzera, dopo essere stato condannato a una pena pecuniaria sospesa con la condizionale. Nei suoi confronti è stato emesso un divieto di ingresso in Svizzera della durata di 2 anni.

Il gerente dell’esercizio pubblico, un 31enne di nazionalità svizzera, deve invece ancora rispondere di diverse infrazioni alle legge federale sugli stranieri.

Guarda anche 

Condannato ed espulso per l'accoltellamento all'Aldi di Pregassona

È stato condannato a 6 anni di carcere e a 10 anni di espulsione dalla Svizzera, il 38enne iracheno che lo scorso 20 luglio accoltellò un connazionale in pi...
24.02.2021
Ticino

Centinaia di migliaia di franchi di debiti e 19 condanne penali: espulso

Persino la sua curatrice aveva paura di lui. Una volta aveva dovuto chiudersi a chiave nel proprio ufficio per difendersi dalla sua furia cieca. Un’altra volta la v...
18.02.2021
Svizzera

Espulso 12 anni fa, ma è ancora in Ticino

Avrebbe dovuto lasciare la Svizzera nel 2009. Ma è ancora qua, con il sostegno dell’avvocato Immacolata Iglio Rezzonico, che ha firmato per lui un’ista...
17.02.2021
Ticino

Rapinarono i passanti a Lugano, quattro condanne e un'espulsione

Misero a segno due rapine in centro città a Lugano e ne tentarono una terza solo per racimolare un po’ di soldi da spendere in discoteca. I quattro sono stat...
06.02.2021
Ticino