Ticino, 19 febbraio 2021

Più controlli ad alcune dogane per il sushi

Il sushi della polemica. Molti ticinesi, da quando la Lombardia è tornata zona gialla, hanno deciso di approfittare per gustarsi una cena a base du sushi. Già di norma in molti si recano in Italia a mangiare asiatico, usufruendo dei numerosi all you can eat che si trovano sparsi al di fuori delle frontiere. E anche ora si sono rivolti ad essi, facendosi consegnare la merce in dogana.

Un processo che aveva fatto infuriare gli abitanti di Monteggio, in particolare il sindaco Piero Marchesi, che si erano lamentati per il via vai e per il poco rispetto delle norme di sicurezza stradale. Avevano più volte chiesto interventi e oggi l'Amministrazione Federale delle Dogane ha detto la sua.

"I collaboratori dell’Amministrazione federale delle dogane (AFD) saranno presenti anche nelle ore serali ai valichi particolarmente toccati dal fenomeno. Il dispositivo si inserisce nell’ambito dello scambio di merce sulle aree doganali dell’AFD, in particolare di cibo d’asporto, ed è volto a preservare la sicurezza della popolazione e la viabilità nelle aree doganali nonché a permettere la corretta esecuzione del mandato AFD", si legge.

"L’invito alla popolazione è di rispettare le disposizioni del personale dell’AFD sul posto. Le disposizioni mirano specificatamente a preservare la sicurezza della popolazione e la corretta gestione della viabilità nell’area doganale, la quale non è idonea per essere utilizzata quale zona di scambio di merce. La popolazione è pregata di rispettare le indicazioni date dal personale dell’AFD presente ai valichi. La misura è volta a facilitare la gestione di un traffico ordinato e sicuro nelle aree ufficiali dell’AFD, nel pieno rispetto del principio della libera circolazione delle persone", prosegue.

Ma si può o non si può farsi consegnare il sushi alla dogana? "Ricordiamo che le merci introdotte nel territorio doganale sono soggette all’obbligo doganale. In particolare per il cibo da asporto ordinato in Italia vi sono specifiche prescrizioni da seguire. In caso di consegna in Svizzera da parte di ristoranti ubicati su suolo italiano, tutti i prodotti devono essere sdoganati all’importazione nel traffico commerciale. Se il cliente ritira invece i prodotti direttamente in Italia, li può importare in Svizzera nel traffico turistico (con diritto alla franchigia di 300 franchi). Particolare attenzione va prestata alle attuali disposizioni in vigore su suolo italiano in merito alle restrizioni legate al Covid-19". Ovvero, senza tampone non si entra in Italia. 

Per ora, la presenza degli agenti sarà rinforzata a Ponte Tresa, Ponte Cremenaga e Fornasette, spiega il CdT.

Guarda anche 

Ora sono 3 i comuni ticinesi con più frontalieri che abitanti

Anche Stabio è entrato nel ristretto novero dei comuni che contano più frontalieri che abitanti. Dai dati forniti oggi dall’Ufficio federale di statis...
27.02.2021
Ticino

Donna schiacciata contro un'auto da un furgone partito in retromarcia, ferita gravemente

La Polizia cantonale comunica che oggi poco dopo le 14 in via Alle Zocche a Castel San Pietro vi è stato un incidente della circolazione stradale. Stando a una pri...
26.02.2021
Ticino

Riaprono le case per anziani

L’evoluzione stabile della situazione epidemiologica nelle comunità e la buona copertura vaccinale permettono di ulteriormente allentare le misure di protezi...
26.02.2021
Ticino

Tuto Rossi: "L’Ing. Gervasoni accusa il Municipio di avere mentito e addirittura tollerato l’uso di documenti falsi"

Interpellanza di Tuto Rossi al Comune di Bellinzona Ricevo le conclusioni dell’ingegner Fabio Gervasoni di fine 2020 che allego alla presente interpellanza. Que...
26.02.2021
Ticino