Svizzera, 29 gennaio 2021

Già condannato due volte a 19 anni, senza permesso di soggiorno e con 20'000 franchi di debiti, potrà rimanere in Svizzera

In una sentenza resa pubblica mercoledì, il Tribunale federale (TF) ha accolto il ricorso di un giovane russo che contestava la sua espulsione dalla Svizzera decisa dal Servizio della popolazione del canton Vaud, che aveva deciso di non rilasciargli il permesso di soggiorno a causa dei suoi trascorsi con la giustizia e i debiti accumulati. Il giovane, oggi 25enne, ha trascorso la sua adolescenza in Svizzera, dove è arrivato con sua madre nel 2002.

In seguito il giovane ha cominciato degli studi di informatica, senza portarli a termine. Scaduto il suo permesso di soggiorno per studi, ha continuato a risiedere illegalmente in Svizzera dal 30 settembre 2015 al 27 aprile 2018, giorno in cui le autorità vodesi gli permisero provvisoriamente di esercitare un'attività lucrativa fino a quando il TF si sarebbe espresso sul suo ricorso.

Il TF nella sentenza riferisce che questo è un "caso limite" in termini di diritto al rispetto della vita privata e familiare ai sensi dell'articolo 8 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo. La questione della proporzionalità del rifiuto del permesso di soggiorno deve essere decisa alla luce di tutte le circostanze del caso. In particolare, si deve tener conto della gravità del comportamento scorretto commesso dallo straniero, del suo grado di integrazione, della durata del suo soggiorno in Svizzera e delle conseguenze dell'allontanamento.

Da una parte i giudici federali riconoscono il fatto che il giovane non ha completato gli studi, aveva accumulato un totale di 18'345 franchi in procedimenti giudiziari e fosse stato condannato due volte a pene leggere.

D'altra parte, il TF nota che questi elementi sfavorevoli sono compensati da altri fattori. Così, "senza volerli minimizzare", i reati per i quali è stato condannato non sono molto gravi (pene pecuniarie e multe per violazioni della legge sulla circolazione stradale e uso di cannabis) e sono stati commessi quando questo giovane aveva tra i 17 e i 19 anni. Aveva risieduto legalmente in Svizzera per più di dieci anni e vi aveva completato gli studi obbligatori. Inoltre, all'età di 15 anni si ritrovò solo, affidato a un curatore in seguito all'arresto di sua madre in Russia.

Dopo le sue due condanne, ha mantenuto un basso profilo. La Corte federale gli raccomanda di continuare su questa strada e di non commettere nuovi reati in futuro e che, se lo facesse, sarebbe passibile di misure di espulsione. Dovrà inoltre migliorare la sua situazione finanziaria, che sarà presa in considerazione al momento del rinnovo del suo permesso di soggiorno. La sentenza del Tribunale cantonale vodese è quindi annullata e il caso è rinviato al Servizio della popolazione, affinché rilasci all'interessato un permesso di soggiorno.

Guarda anche 

Dramma di Muralto, via al processo: "Non mi sono accorto che stava male"

Si è aperto oggi il processo nei confronti del 32enne tedesco accusato di aver ucciso la 22enne inglese nella camera 501 all’Hotel La Palma Au Lac di Mura...
20.09.2021
Ticino

Nuova legge sul CO2, niente nuove tasse ma aumentano quelle già esistenti

Venerdì Simonetta Sommaruga ha presentato i contorni della nuova versione della legge sul CO2 dopo il "no" popolare del 13 giugno scorso. Nessuna nuova t...
20.09.2021
Svizzera

FC Lugano: Mattia Croci-Torti è il “nuovo” allenatore

LUGANO - Tanti nomi, tante supposizioni ma alla fine il Lugano ha deciso che il suo allenatore lo aveva già in casa: Mattia Croci-Torti è stato confermato a...
20.09.2021
Sport

"Al seggio non c'è mai fine"

*Articolo dal Mattino della Domenica. Di Lorenzo Quadri Tra una settimana, Anghela Merkel lascerà per sempre la Cancelleria. “...
20.09.2021
Mondo