Svizzera, 25 gennaio 2021

Controlli alle frontiere: "Non si può più aspettare"

Norman Gobbi: “La Germania e mezza Europa vogliono chiudere. E noi?”

“Mentre c’è già chi parla della necessità di un passaporto delle vaccinazioni, Berna nicchia (eufemismo) sulla proposta che abbiamo inviato come Consiglio di Stato di eseguire maggiori controlli alla frontiera per preservare l’efficacia delle misure di restrizione alla libertà chieste alle cittadine e ai cittadini in questo lungo inverno. Quasi che avessimo domandato di erigere un muro…”. Si esprime così il presidente del Governo Norman Gobbi, amareggiato per la posizione della Confederazione. 

“Direi la “non posizione” di Berna - sottolinea il Direttore del Dipartimento delle istituzioni - Come Ticino abbiamo chiesto di chiudere i valichi minori, mantenendo la possibilità di alcune finestre temporali d’apertura in fasce orarie ben definite per le lavoratrici e lavoratori frontalieri del settore sanitario. Oltre a ciò, anche un maggior controllo su chi entra da valichi principali, dando la disponibilità della Polizia cantonale di andare in appoggio delle guardie di confine per questi controlli”.

Su questo fronte però dal Consiglio federale non giungono novità positive. “E dire che mezza Europa si sta muovendo in questo senso, trascinata dalla cancelliera Angela Merkel, che già da alcuni giorni insiste affinché si conceda agli Stati di controllare le frontiere. E come la Merkel la pensano così anche la
Francia di Macron, l’Austria, l’Olanda e il Belgio. A conferma che il controllo alle frontiere è oggettivamente un deterrente ed è considerata una misura necessaria per lottare contro la diffusione del virus e delle sue varianti. Spero proprio che ci si decida a questo passo”.

“La mobilità transfrontaliera al confine sud della Svizzera è molto elevata - afferma il Consigliere di Stato Norman Gobbi - e ogni ticinese si è reso conto che sul nostro territorio non ci sono solo i lavoratori frontalieri che son qui a lavorare. Al sabato e alla domenica, così come in altri giorni della settimana, si constata la presenza di italiani che vengono per fare passeggiate in montagna, ma anche lungo le rive dei nostri laghi. Sono movimenti che non potrebbero fare all’interno dei confini italiani. Non si vede perché debbano approfittare della vicinanza con la Svizzera per aggirare i divieti imposti dai vari decreti italiani”.

Insomma: si tratta di un senso di responsabilità più generale che dovrebbe essere rispettato da tutti.
“Ai nostri anziani, ai nostri giovani e a tutta la popolazione chiediamo grandi sacrifici. Le misure introdotte danno risultati positivi. Ecco: cerchiamo di essere coerenti e prudenti anche attraverso un miglior controllo delle frontiere”, conclude il presidente del Governo Norman Gobbi.

MDD

Guarda anche 

Brasile, Copa America al via con il paese in ginocchio

BRASILIA (Brasile) - Nelle socrse settimane la Conmebol (la federazione sudamericana di calcio) ha chiesto al Brasile di organizzare la Copa America 2021 in sostituz...
14.06.2021
Sport

VIDEO - Ristoranti aperti solo all’esterno? Non ha spazio e fa mangiare i clienti sul wc!

NAPOLI (Italia) – In Italia, così come alle nostre latitudini, dovremo aspettare ancora qualche giorno per poter recarci al ristorante e poter pranzare o cen...
20.05.2021
Magazine

Ha il Covid ma prende i trasporti pubblici e va al lavoro: 1'600 franchi di multa

Sono 77 i decreti d’accusa finora emessi nel canton Argovia per violazione delle norme anti-Covid. Tra di essi, come riporta oggi la Aargauer Zeitung, ce ne sono al...
15.05.2021
Svizzera

Mascherine, tamponi e distanze sociali? L’Inter è campione e a Milano succede di tutto…

MILANO (Italia) – Era solo questione di giorni o di ore e ieri pomeriggio, col pareggio maturato a Reggio Emilia tra Sassuolo e Atalanta è diventato realt&ag...
03.05.2021
Sport