Svizzera, 12 gennaio 2021

"La tassa militare è discriminatoria", la Svizzera condannata dalla CEDU

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) si è pronunciata a favore di un cittadino svizzero ritenuto inabile al servizio che si era opposto alla tassa militare. La Corte ha stabilito che la Svizzera discrimina sulla base di un'invalidità minore o maggiore, che determina l'obbligo di pagare la tassa militare.

In una sentenza pubblicata martedì, i giudici della CEDU hanno ritenuto che la Svizzera ha violato l'articolo 14 della Convenzione, ossia il divieto di discriminazione, oltre all'articolo 8, che afferma il diritto al rispetto della vita privata e familiare.

I giudici condannano così la distinzione "artificiale" tra le diverse categorie di handicap. A loro avviso, le persone non idonee sono svantaggiate rispetto agli obiettori di coscienza, poiché questi ultimi possono svolgere il servizio civile e quindi non sono sottoposti alla tassa di esenzione.

Il cittadino svizzero si era rivolto alla Corte di Strasburgo nel 2013 dopo che il suo ricorso era stato respinto dal Tribunale federale nel novembre 2012.

Guarda anche 

Ruba il gatto del vicino perché credeva fosse il suo, viene denunciata e condannata

La giustizia vodese si è dovuta chinare su una singolare vicenda concernente due proprietari di gatti di Montreux. Una donna ha rubato il gatto del suo vicino e si...
14.05.2022
Svizzera

Gli sposi si separano pochi anni dopo la naturalizzazione del marito, con il divorzio perde anche il passaporto

Un cittadino algerino con il divorzio perderà, oltre alla moglie, anche la cittadinanza svizzera acquisita appena due anni prima. Sposatosi nel 2010 con una don...
13.05.2022
Svizzera

Ricorre fino al Tribunale federale per farsi annullare la tassa militare e alla fine la spunta

Un uomo residente nel canton Soletta è andato da tribunale in tribunale per farsi annullare una richiesta di tassazione di 6'612 franchi che sosteneva non dove...
13.05.2022
Svizzera

"Non ucciderei mai una donna che mi paga 300'000 franchi per delle relazioni sessuali"

La Corte Suprema del canton Zurigo ha condannato un cittadino italiano di 78 anni a 13 anni di carcere per un omicidio avvenuto nel 1997. Il tribunale ha quindi confermat...
12.05.2022
Svizzera