Mondo, 11 gennaio 2021

"I media e i democratici stanno lanciando una nuova 'guerra al terrore'"

Alcune delle stesse persone che stavano dietro la "Guerra al Terrore" lanciata sulla scia degli attentati alle torri gemelli del 2001 stanno ora aiutando a iniziarne una nuova contro gli americani, ha avvertito il giornalista Glenn Greenwald nel mezzo di una crescente repressione della libertà di parola dopo i fatti avvenuti al Campidoglio degli Stati Uniti la scorsa settimana.

Greenwald è un avvocato diventato giornalista nel 2005 per opporsi alla soppressione delle libertà civili degli americani con la giustificazione della "guerra al terrorismo" di Bush-Cheney. Ha finito per giocare un ruolo chiave nella pubblicazione delle rivelazioni dell'informatore dell'NSA Edward Snowden sulle attività illegali di spionaggio di massa degli americani. Venerdì, però, ha dato l'allarme per quello che vedeva come una ripetizione della storia.

"Ho passato il primo decennio della mia carriera giornalistica a esporre e denunciare gli eccessi della prima guerra al terrorismo, e vedo esattamente le stesse tattiche che si stanno formando in questo momento", ha scritto il giornalista americano. 

Un alleato chiave del governo americano in questa nuova "guerra al terrore" saranno "gli stessi media che hanno agito come loro portavoce dal 2016", ha sostenuto Greenwald,
citando ancora una volta un esempio: Oliver Darcy della CNN, un "ex conservatore della CNN... la cui funzione principale nella vita è quella di chiedere la censura per conto dei [Democratici]".

USA Today ha inviato un invito ai lettori a riferire e identificare le persone coinvolte nell'irruzione di mercoledì al Campidoglio che i Democratici e i media hanno dipinto come una "insurrezione" e hanno chiesto una dura repressione dei "terroristi interni".

Diverse centinaia di sostenitori del presidente Donald Trump hanno prima abbattuto le transenne della polizia per entrare nel Campidoglio, poi hanno fatto irruzione nell'edificio stesso, ma alla fine si sono dispersi dopo che Trump ha chiesto pace e ordine. 

Greenwald ha condannato la rivolta in Campidoglio, ma ha avvertito che se c'è una lezione degli ultimi 20 anni, è che "prendere decisioni pesanti in momenti di alte e intense emozioni, seguendo da vicino un evento che accomuna quasi tutti al punto che ogni deviazione o interrogatorio viene trattato come un tradimento o un'eresia, è estremamente imprudente".

Anche diversi altri giornalisti indipendenti hanno lanciato l'allarme per la crescente repressione dei discorsi che ha seguito gli eventi in Campidoglio.  

Guarda anche 

Ha il Covid ma prende i trasporti pubblici e va al lavoro: 1'600 franchi di multa

Sono 77 i decreti d’accusa finora emessi nel canton Argovia per violazione delle norme anti-Covid. Tra di essi, come riporta oggi la Aargauer Zeitung, ce ne sono al...
15.05.2021
Svizzera

"Le carte svizzere dello jass sono sessiste, vanno cambiate"

Lo jass è “sessista”. Parola di Susan Arndt, una docente che insegna letteratura e scienze culturali all’Università di Bayreuth, in German...
03.05.2021
Svizzera

USA, poliziotta scambia la pistola con il taser e uccide un giovane (VIDEO)

I sindaci delle città di Minneapolis e St. Paul hanno dichiarato uno stato di emergenza e un coprifuoco a partire dalle 19.00 in tutta l'area metropolitana dop...
13.04.2021
Mondo

Tre giorni dopo l'attentato di Capitol Hill, "non se ne parla più perchè l'assalitore era musulmano"

Un ufficiale della polizia del Campidoglio a Washington è stato ucciso e un altro ferito venerdì scorso quando un uomo si è lanciato con la sua auto ...
05.04.2021
Mondo