Svizzera, 01 gennaio 2021

Parmelin: "Da oggi ripartiamo"

*Allocuzione di Capodanno del presidente della Confederazione Guy Parmelin

Care concittadine e cari concittadini, in Svizzera e all’estero, il nostro Paese, come molti altri, ha vissuto un anno buio. La crisi sanitaria ci ha inferto un duro colpo. Molte famiglie hanno perso loro cari e non hanno potuto congedarsi da questi affetti come avrebbero voluto. Per loro il 2020 resterà legato al ricordo di questa dolorosa perdita.

La pandemia ha stravolto le nostre vite causando disoccupazione, distruggendo aziende radicate da tempo nel territorio e mettendo a dura prova i nostri sistemi formativi e sanitari. Mai in passato ci eravamo trovati confrontati a una situazione del genere: le nostre attività ferme, la popolazione in isolamento, la stretta di mano − parte del nostro vivere sociale − bandita. Questa situazione è tanto più crudele se si pensa che l’essere umano, come sosteneva Aristotele, «tende per natura ad aggregarsi con altri individui». All’alba di questo 2021 il realismo mi impedisce di formulare auguri troppo entusiastici.

Mi costringe piuttosto a constatare che le incognite sono molte e che la situazione resta precaria. Nonostante questo ci tengo a trasmettervi di tutto cuore un mio caloroso messaggio di solidarietà. Penso soprattutto a chi soffre a causa della solitudine, di una malattia, della perdita di una persona cara o dei rigori dell’età. Gli effetti della pandemia hanno ulteriormente accentuato le difficoltà personali di molti di noi. Ci tengo ad assicurarvi ancora una volta il sostegno del Consiglio federale e il suo costante impegno nella ricerca di soluzioni che permettano al nostro Paese di ripartire su solide basi. Ma vorrei trasmettervi anche il mio ottimismo. E non si tratta di un ottimismo di facciata, bensì di un ottimismo convinto, mosso dalla consapevolezza che il nostro Paese può contare su numerose risorse. Vanta ad esempio una trentina di premi Nobel, ha immesso sui mercati invenzioni di cui oggi il mondo non potrebbe più fare a meno e lo «Swiss made» è ovunque sinonimo di qualità e affidabilità. La Svizzera progredisce e lo farà anche domani se crediamo, come
il sottoscritto, nelle virtù dell’istruzione e della formazione. Vettori di sapere e conoscenza, l’istruzione e la formazione sono alla base dell’innovazione, del progresso e della nostra invidiabile posizione in questi settori tra le economie più avanzate del mondo. In quanto linguaggio universale, l’istruzione e la formazione portano in dote anche cultura e apertura e divengono strumenti al servizio del dialogo e dell’ascolto. In un’epoca incline a rapporti di forza sempre più conflittuali, garantiscono l’accesso al compromesso appianando la strada alla risoluzione pacifica dei conflitti. In sostanza, l’istruzione e la formazione sono le chiavi della nostra indispensabile coesione.

Unita, la Svizzera è più forte. Anche per difendere i propri interessi, con coraggio e con vigore, se necessario. Perché, così facendo, difende gli interessi di ognuno di noi: le nostre libertà, la nostra indipendenza, la pace e l’armonia in cui viviamo da così tanto tempo. Questo 1° gennaio si scrive una nuova pagina della nostra storia, dalla quale vorremmo allontanare i recenti tormenti: la rassegnazione forzata, l’intorpidimento generale, una vaga sensazione di cedimento che porta fatalmente a ripiegarsi su sé stessi. Ebbene, per una società moderna chiamata ad assumere collettivamente il proprio destino non vi è niente di peggio della rinuncia. È quindi adesso che siamo chiamati a reagire più che mai, è adesso che dobbiamo restare uniti, è adesso che dobbiamo, nonostante la dovuta prudenza nei nostri contatti sociali, dar prova di quella coesione essenziale per raggiungere il nostro successo comune.

È per me importante che le varie anime del nostro Paese − la Svizzera delle città e quella delle campagne, la Svizzera dell’esperienza del passato e quella della promessa del futuro, la Svizzera del settore tecnologico e quella rurale, la Svizzera agiata e quella meno fortunata − continuino a formare un’unica e sola Svizzera! Mosso da questa speranza, auguro a tutte e tutti voi: Es guets Nöis, Bonne année, Bun onn, Buon anno.

*Testo integrale

Guarda anche 

L'organizzazione dell'Eurovision ostacolata da due referendum

In quanto paese vincitore del concorso musicale Eurovision la Svizzera è tenuta a organizzare la prossima edizione l'anno prossimo. Per il momento non sappi...
13.07.2024
Svizzera

Un attacco con il machete causa cinque feriti fra cui un bebè

Giovedì intorno alle 21.30 è avvenuto una terribile aggressione in un edificio San Gallo in cui sono rimaste ferite cinque persone, fra cui una donna incint...
13.07.2024
Svizzera

Secondo un deputato in Parlamento ci sarebbe un problema di alcolismo

Diversi deputati del Parlamento svizzero sarebbero dei grossi consumatori di alcol, al punto che un deputato, che ha preferito rimanere anonimo, ritiene che ci sia un pro...
12.07.2024
Svizzera

Un centro di formazione dell'esercito svizzero certificato dalla NATO

Un centro di formazione dell'esercito svizzero è ormai “accreditato dalla NATO”. Nell'ambito della cooperazione con la NATO, che il Dipartiment...
12.07.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto