Ticino, 25 dicembre 2020

Revocato il permesso a una giurista in assistenza: “Sono stata boicottata”

Il Tribunale federale ha confermato la revoca del permesso di dimora di una cittadina italiana che era venuta in Ticino per avviare “un’attività lucrativa indipendente quale giurista” ma che era finita per dipendere in gran parte dall’assistenza sociale.
 
La donna ha asserito di non essere riuscita a lavorare a causa di “azioni di boicottaggio e diffamatarie”, che sarebbero anche sfociate in procedimenti penali a suo carico. Ma con sentenza pubblicata nel giorno della vigilia di Natale i giudici di Mon Repos hanno confermato la decisione della Sezione della popolazione del Dipartimento delle istituzioni del Canton Ticino di revocarle e non concederle il rinnovo del permesso B.
 
Dalla sentenza si evince che la donna, giunta in Ticino nel maggio 2014, non era mai riuscita veramente ad avviare la sua attività indipendente quale giurista. I guadagni mensili citati ammontano generalmente a poche centinaia di franchi al mese, con un picco massimo di 1570 franchi in un solo mese. Troppo poco, evidentemente, per poter vivere in Svizzera.
 
Così la donna ha largamente attinto all’assistenza sociale, che le ha pagato non solo l’affitto, la cassa malati e le prestazioni ordinarie, ma anche per esempio degli occhiali. Finché nel 2018 la Sezione della popolazione non ha deciso di revocarle il permesso di dimora, ritenendo che la sua attività in Ticino fosse marginale.
 
Una decisione confermata dal Consiglio di Stato, dal Tribunale amministrativo cantonale e ora anche dal Tribunale federale. La giurista italiana deve quindi tornare in Italia.

Guarda anche 

La Svizzera dovrà dare all'Italia i dati bancari di due contribuenti italiani

Il Tribunale amministrativo federale (TAF) ha respinto il ricorso di due contribuenti italiani che si opponevamo alla trasmissione dei loro dati bancari a Roma. Questa ri...
15.01.2021
Svizzera

Condannato sia in Italia sia in Svizzera, ma il TRAM lo perdona

Aveva omesso di segnalare nell’autocertificazione di essere già stato condannato in Italia a una pena di 20 mesi di reclusione. In più durante la sua ...
14.01.2021
Ticino

La vittima della sparatoria di Giornico deve tornare a casa sua

Dovrebbe lasciare la Svizzera il 32enne richiedente l’asilo pachistano che nel 2017 rimase ferito in una sparatoria nei boschi sopra Giornico. Il Tribunale amminist...
14.01.2021
Ticino

"La tassa militare è discriminatoria", la Svizzera condannata dalla CEDU

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) si è pronunciata a favore di un cittadino svizzero ritenuto inabile al servizio che si era opposto alla tassa mil...
12.01.2021
Svizzera