Ticino, 25 dicembre 2020

Revocato il permesso a una giurista in assistenza: “Sono stata boicottata”

Il Tribunale federale ha confermato la revoca del permesso di dimora di una cittadina italiana che era venuta in Ticino per avviare “un’attività lucrativa indipendente quale giurista” ma che era finita per dipendere in gran parte dall’assistenza sociale.
 
La donna ha asserito di non essere riuscita a lavorare a causa di “azioni di boicottaggio e diffamatarie”, che sarebbero anche sfociate in procedimenti penali a suo carico. Ma con sentenza pubblicata nel giorno della vigilia di Natale i giudici di Mon Repos hanno confermato la decisione della Sezione della popolazione del Dipartimento delle istituzioni del Canton Ticino di revocarle e non concederle il rinnovo del permesso B.
 
Dalla sentenza si evince che la donna, giunta in Ticino nel maggio 2014, non era mai riuscita
veramente ad avviare la sua attività indipendente quale giurista. I guadagni mensili citati ammontano generalmente a poche centinaia di franchi al mese, con un picco massimo di 1570 franchi in un solo mese. Troppo poco, evidentemente, per poter vivere in Svizzera.
 
Così la donna ha largamente attinto all’assistenza sociale, che le ha pagato non solo l’affitto, la cassa malati e le prestazioni ordinarie, ma anche per esempio degli occhiali. Finché nel 2018 la Sezione della popolazione non ha deciso di revocarle il permesso di dimora, ritenendo che la sua attività in Ticino fosse marginale.
 
Una decisione confermata dal Consiglio di Stato, dal Tribunale amministrativo cantonale e ora anche dal Tribunale federale. La giurista italiana deve quindi tornare in Italia.

Guarda anche 

Legittima difesa, Ghiringhelli scrive al Consiglio di Stato: "Fateci vedere l'opuscolo informativo prima di pubblicarlo"

Di seguito pubblichiamo integralmente il testo della lettera inviata da Giorgio Ghiringhelli al Consiglio di Stato in merito all'opuscolo informativo per la nuova vot...
14.05.2021
Ticino

Contro di lui c'è un divieto di entrata in Svizzera, ma si è sposato e vive in Ticino

Vi ricordate il caso del giovane studente della CSIA al centro di numerose manifestazioni  di sostegno quando venne rimpatriato in Ucraina insieme ai suoi genitori n...
13.05.2021
Ticino

Lo 'ndranghetista è sposato con una svizzera, ma fino al 2033 non potrà tornare in Svizzera

Sebbene sia sposato con una cittadina svizzera e abbia due figlie che vivono in Svizzera, un cittadino italiano che in passato è stato condannato all’ergasto...
08.05.2021
Svizzera

Multato perchè senza mascherina sul treno, un tribunale gliela annulla

Un 32enne residente nel canton Zurigo si è visto annullare la multa che aveva ricevuto per essere salito sul treno senza mascherina di protezione. Il tribunale dis...
07.05.2021
Svizzera