Svizzera, 23 dicembre 2020

Condannato a cinque mesi di carcere per aver scritto messaggi razzisti sul web

Un cittadino svizzero residente nel canton Ginevra è stato condannato per pubblica istigazione all'odio e alla discriminazione per aver scritto frasi a carattere razzista sul web. Il ministero pubblico di Ginevra lo ha condannato a poco più di cinque mesi di carcere da scontare, in virtù della legge antirazzista. Come riporta la "Tribune de Genève", tra il 2018 e il 2019 l'uomo aveva pubblicato migliaia di messaggi e articoli razzisti e negazionisti sul suo account Twitter e su un sito di cui era redattore. La corte ginevrina ha sottolineato che i suoi commenti non sono destinati solo alla sua cerchia privata, ma sono accessibili a un numero sconosciuto di persone. Avevano quindi un carattere "pubblico" che ha contribuito alla violazione della legge e alla severità della pena.

Nei suoi messaggi, l'uomo aveva ripetutamente sostenuto che l'Olocausto non è mai esistito. Ha anche fatto riferimento a un sopravvissuto del "LOLocausto gassato e trasformato in sapone". L'uomo aveva anche definito una parlamentare francese di colore una "negra". Essendo questa una sentenza di primo grado, essa non è ancora definitiva e può ancora ancora essere impugnata in appello.

Guarda anche 

La Svizzera dovrà dare all'Italia i dati bancari di due contribuenti italiani

Il Tribunale amministrativo federale (TAF) ha respinto il ricorso di due contribuenti italiani che si opponevamo alla trasmissione dei loro dati bancari a Roma. Questa ri...
15.01.2021
Svizzera

Condannato sia in Italia sia in Svizzera, ma il TRAM lo perdona

Aveva omesso di segnalare nell’autocertificazione di essere già stato condannato in Italia a una pena di 20 mesi di reclusione. In più durante la sua ...
14.01.2021
Ticino

La vittima della sparatoria di Giornico deve tornare a casa sua

Dovrebbe lasciare la Svizzera il 32enne richiedente l’asilo pachistano che nel 2017 rimase ferito in una sparatoria nei boschi sopra Giornico. Il Tribunale amminist...
14.01.2021
Ticino

"La tassa militare è discriminatoria", la Svizzera condannata dalla CEDU

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) si è pronunciata a favore di un cittadino svizzero ritenuto inabile al servizio che si era opposto alla tassa mil...
12.01.2021
Svizzera