Mondo, 17 dicembre 2020

Sequestrati mezzo milione di euro a Lara Comi, "ha truffato il Parlamento europeo"

Il tribunale di Milano ha ordinato il sequestro per oltre mezzo milione di euro a carico dell’ex europarlamentare Lara Comi e altri cinque indagati. La cifra contestata e sottoposta a sequestro è di 525mila euro e copre i due mandati svolti dalla Comi a Bruxelles dal 2009 al 2019 e riguarda due capi d’imputazioni per il reato di truffa. Oltre all’accusa di truffa l'ex fedelissima di Silvio Berlusconi, conosciuta alle nostre latitudini per aver preso più volte le difese dei frontalieri impiegati in Svizzera, è attualmente indagata per finanziamento illecito nell’inchiesta dell’antimafia di Milano chiamata “Mensa dei poveri”.

La vicenda della truffa al Parlamento europeo è una costola della Mensa dei poveri. L’inchiesta era diventata pubblica nel maggio 2019 quando l’ufficio europeo antifrode (Olaf) segnala,
dopo aver ricevuto una denuncia anonima, “alcune presunte irregolarità a danno del bilancio Ue e gravi inadempimenti degli obblighi professionali da parte di Lara Comi”. Documenti e soprattutto le testimonianze chiudono il cerchio dell’accusa, con la Procura italiana che scrive: “Lara Comi” ha “in modo sistematico e assolutamente spregiudicato piegato ai fini personali il proprio ufficio pubblico commettendo una serie di illeciti allo scopo di drenare denaro dalle casse dell’Unione europea”.

Secondo l’atto d’accusa della procura Comi avrebbe “in modo sistematico e assolutamente spregiudicato piegato a fini personali il proprio ufficio pubblico, commettendo una serie di illeciti allo scopo di drenare denaro dalle casse dell’Unione Europea in proprio e in favore altrui, sfruttando a questo scopo tutti i possibili canali derivanti dal proprio ruolo”.

Guarda anche 

Accordo quadro, "Cassis è completamente isolato"

"Litigio sull'accordo quadro: Ignazio Cassis è completamente isolato" è il titolo di un articolo pubblicato ieri dalla SonntagsZeitung, second...
19.04.2021
Svizzera

Effetti del Covid-19, i sindacati chiedono un Osservatorio sul frontalierato

Convocare l’Osservatorio sul frontalierato per verificare dimensioni e numeri del fenomeno nell’anno del Covid-19. Ad avanzare la richiesta, come riferisce il...
17.04.2021
Ticino

Rete telefonica italiana in centro a Lugano: ora interviene la Confederazione

Ha dato i suoi frutti l’interrogazione presentata nel gennaio scorso dal leghista Andrea Censi per chiedere un intervento contro la “invasione” degli op...
16.04.2021
Ticino

Sul totem informativo del paese… viene proiettato un porno

ALBIGNASEGO (Italia) – Invece di fornire le comunicazioni pubblicitarie o le indicazioni utili alla popolazione, il totem nella piazza principale di Albignasego, in...
15.04.2021
Magazine