Svizzera, 17 dicembre 2020

Condannato a 11 anni di carcere e espulsione per aver ucciso la moglie

Il Tribunale federale ha confermato la condanna a sette anni di carcere e l'espulsione dal territorio svizzero per otto anni pronunciata dal tribunale di Zurigo contro un cittadino montenegrino. L'uomo, oggi 53enne , aveva pugnalato a morte la moglie nel 2017.

Lo scorso agosto la Corte suprema del Cantone di Zurigo aveva ridotto la sanzione di primo grado decisa dal Tribunale distrettuale di Bülach. Il tribunale cantonale aveva condannato l'uomo a una pena detentiva di 11 anni e un ordine di espulsione per 11 anni.

Nel suo ricorso al Tribunale federale, il condannato aveva chiesto di essere giudicato per omicidio passionale e non omicidio e che la corte rinunci all'espulsione, vista la sua “situazione di difficoltà” personale e il fatto di avere figli residenti in Svizzera.

In una sentenza emessa giovedì, il Tribunale federale ha tuttavia respinto entrambe le domande. Ha osservato che il tribunale precedente aveva accuratamente argomentato le sue ragioni per escludere l'omicidio passionale.

Ha tenuto conto anche dello stato di salute del 53enne, che soffre di un tumore al cervello e ha subito numerose operazioni ed è incline all'epilessia. Secondo la perizia medica, tali danni cerebrali possono limitare l'autocontrollo.

Tuttavia, il tribunale di Zurigo aveva anche osservato che non ci sono state circostanze particolari che abbiano provocato un'emozione violenta che giustifica la qualifica di omicidio passionale.

Il Tribunale federale ritiene inoltre che lo stato di salute dell'omicida non consenta di rinunciare all'espulsione. Anche se il sistema sanitario montenegrino non è così sviluppato come in Svizzera, l'uomo potrà ricevere le cure necessarie.

Infine, il condannato potrà mantenere il rapporto con i suoi quattro figli per corrispondenza. Secondo la sentenza, l'uomo non aveva comunque avuto contatti con loro per molto tempo, il più giovane dei quali aveva assistito all'omicidio di sua madre quando aveva 12 anni.

Guarda anche 

Pesanti condanne per un caso di corruzione alla SECO, "il più grave da decenni nella storia svizzera"

Per quindici giorni il Tribunale penale federale di Bellinzona nel mese di agosto si è occupato di uno dei più grandi casi di corruzione nella storia del...
19.09.2021
Svizzera

Fa ricorso per una multa per divieto di sosta, alla fine dovrà pagare 15 volte tanto

Succede, talvolta, che quando si fa ricorso per una multa, si riesce a farla annullare, o comunque ridurre l'importo, quando si è convinti di non aver commesso...
18.09.2021
Svizzera

Derubava i clienti FFS mettendo un fazzoletto nel distributore di biglietti

Un cittadino francese residente a Ginevra è riuscito a sottrarre circa 2'000 franchi a clienti delle FFS bloccando l'erogatore del resto dei distributori d...
13.09.2021
Svizzera

Aveva danneggiato antenne radio e veicoli militari, estremista di sinistra dovrà risarcire 250'000 franchi di danni

Un estremista di sinistra di 30 anni arrestato nel gennaio 2019 nel canton Zurigo per aver danneggiato diversi veicoli della polizia e antenne telefoniche è stato ...
05.09.2021
Svizzera