Ticino, 14 dicembre 2020

"Sono venuto in Ticino per trovare lavoro ma..."

Non sono soltanto i cittadini ticinesi che non riescono a trovare lavoro nel nostro cantone a causa dei frontalieri (e di chi li assume). No, ci sono anche altri confederati che hanno provato a sistemarsi a Sud del Gottardo ma cozzano regolarmente contro potenziali datori di lavoro che privilegiano chi viene da oltre frontiera. Una storia vecchia, trita e ritrita, che infastidisce le coscienze della gente comune, che non ne può più di questi soprusi legali. E lo stato che fa? Permette ai privati di assumere chi vuole. Ci viene in mente la storia recentemente raccontataci da una signora di Arbedo- Castione il cui figlio è stato licenziato da una ditta locale perché non c’era lavoro… Tutte balle, perché invece tempo dopo ha ingaggiato un lavoratore straniero (che costava meno ed era ligio ai doveri e ai dettami di un padrone scaltro e poco osservante delle regole). Oggi, tornando in argomento, parliamo di un giovane ponteggiatore bernese che per ragioni di cuore alcuni anni fa si è trasferito a Lugano pieno di speranza per un futuro migliore. Il suo progetto era quello di trovare un posto di lavoro e formarsi una famiglia e magari avere dei figli. Sentiamolo.

Mi chiamo Damian, ho 29 anni e provengo dalla Capitale, città alla quale sono sempre legato ma che alla fine non soddisfaceva le mie esigenze. Il Ticino è bello, solatio, mi piace il vostro cibo e la gente è aperta e cordiale. In più ho trovato una ragazza del posto, per cui ho preso due piccioni con una fava, come si suol dire. Alla fine, dopo aver contattato delle ditte ticinesi, mi sono presentato per il colloquio”.

Damian a questo punto si incupisce: “Il mio sogno in realtà si è trasformato nel peggiore degli incubi. Malgrado io parli quattro lingue (italiano correttamente, inglese, tedesco e francese) non sono stato in grado di strappare un contratto
di lavoro. Ma non mi sono arreso, anzi: ci ho provato con tenacia. Quando sembrava che saltasse fuori qualcosa mi è stato detto che costavo troppo e che avrebbero preso un cittadino italiano abitante a Como. A questo punto di sono cascate le braccia e giocoforza ho dovuto mettermi in disoccupazione. Una situazione che non avrei mai pensato di dover affrontare. Detesto dover dipendere dallo Stato”.

Da un anno Damian deve…timbrare: “ Ripeto: ho cercato di tutto. E poi all’Ufficio regionale di collocamento non mi pare si impegnino troppo per trovare un posto a chi ne ha bisogno. Sento sempre le stesse risposte, a volte irritanti. Tante richieste burocratiche da svolgere e le risposte sono sempre le stesse: non c’è lavoro. E se sbagli qualcosa ti penalizzano pure. È una vergogna!”.

Va detto che il ragazzo bernese è stato anche sfortunato: “Ho avuto gravi problemi di salute a causa di una scogliosi e mi è stato detto che non avrei più dovuto sollevare pesi e per un ponteggiatore non è certo l’ideale. Ma io ho sempre detto che avrei fatto qualsiasi mestiere, senza problemi”.

La sua situazione sta diventando sempre più drammatica. “Fra un mese scadono le mie indennità e non ho nessuna voglia di finire in assistenza. Cosa deve fare? Volevo sposarmi e metter su famiglia e invece ora mi ritrovo a spasso. Sono andato in depressione e non riesco a dormire…”.

Damian sta valutando di tornarsene a Berna. “Avevo tante speranze! Ma ormai sembra che non sia cittadino di questa nazione. Ho provato a bussare a tante porte ma invano. Forse se cambiassi il mio cognome, otterrei qualcosa. Berna? Non ci vorrei tornare, spero che succeda sempre qualcosa ma sono pessimista”.

MDD

Guarda anche 

Omicida di colore in fuga a Zurigo, un ticinese si preoccupa: “Speriamo non gli facciano del male”

Ha del surreale la testimonianza riportata oggi da Ticinonline in merito all’omicidio avvenuto lunedì mattina attorno alle 9 a Zurigo-Altstetten. Un uomo ...
04.05.2021
Svizzera

Frontalieri che aumentano durante la pandemia, "nessun rischio per la coesione sociale?"

Dopo aver annunciato che in canton Ticino sono stati persi 10'000 posti di lavoro a causa della pandemia di coronavirus, ieri l’Ufficio federale di statistica (...
11.03.2021
Svizzera

L'attualità di Orwell

I popoli che non posseggono la memoria non posseggono il loro futuro, scriveva Nietzsche. E proprio in quest’epoca l’affermazione mostra la sua...
01.03.2021
Mondo

Il DFE targato PLR mette le mani in tasca ai cittadini

E ti pareva! Il DFE targato PLR, a dimostrazione di come ex partitone e ro$$overdi vadano ormai a braccetto, in tempo di crisi nera pensa “bene” di mettere le...
22.02.2021
Ticino