Mondo, 27 novembre 2020

Angela Merkel vuole chiudere gli impianti sciistici in tutta l'UE

La Germania chiederà all'Unione Europea di vietare l'apertura degli impianti sciistici fino al 10 gennaio, nonostante l'opposizione dell'Austria e la rabbia degli operatori del settore.

Dopo oltre sette ore di discussioni, Angela Merkel e i 16 stati regionali hanno deciso di rivolgere la loro attenzione all'UE, di cui la Germania detiene la presidenza del Consiglio fino alla fine dell'anno. La messa al bando degli impianti sciistici fa parte delle restrizioni annunciate in Germania, tra cui la chiusura di ristoranti, bar, locali culturali e club sportivi fino all'inizio di gennaio.

"Dobbiamo ancora fare uno sforzo (...) il numero di infezioni giornaliere è ancora troppo alto", ha spiegato il Cancelliere tedesco in una conferenza stampa.

In questo contesto, il governo tedesco consiglia vivamente ai suoi cittadini di non viaggiare all'estero durante le vacanze di Natale e di evitare le località invernali. "Tutti i viaggi d'affari e privati non essenziali, in particolare i viaggi turistici, compresi i viaggi all'estero per la stagione sciistica, dovrebbero essere evitati", dice il testo negoziato dalla signora Merkel e dai 16 Länder. "Il governo è invitato a lavorare a livello europeo per garantire che il turismo sciistico non sia autorizzato prima del 10 gennaio", aggiunge il testo.

Interrogata sulla richiesta della Germania all'UE, il Cancelliere ha ammesso che non è una conclusione scontata: "Sarò onesto con voi, probabilmente non sarà facile, ma ci proveremo".

L'Italia e la Francia hanno fatto passi simili, facendo arrabbiare il settore. In Francia, invece, un protocollo sanitario era in fase di messa a punto da settimane in caso di riapertura degli impianti, una questione cruciale per il settore del turismo invernale con le sue 350 stazioni sciistiche, 10 miliardi di indotto economici e 120'000 posti di lavoro.

La Baviera, nel sud-est della Germania, aveva anticipato questo divieto annunciando martedì la chiusura dei suoi impianti a Natale. "Non possiamo semplicemente fare una classica vacanza sulla neve", ha giustificato Markus Söder, il leader conservatore della regione, esortando gli altri paesi europei a fare lo stesso.

La Baviera e le sue piste sono particolarmente amate da molti turisti provenienti dalla Germania e dall'estero durante il periodo delle feste. Söder, uno dei favoriti a succedere alla signora Merkel nella cancelleria nel 2021, aveva già chiesto martedì l'introduzione di un accordo europeo per evitare la concorrenza sleale con altri paesi UE.

"Preferirei avere un accordo comune a livello europeo: nessun impianto di risalita aperto, nessuna vacanza (sciistica) da nessuna parte", ha martellato il conservatore bavarese.

Guarda anche 

Documento di Natale dell'UE, "un atto dittatoriale" per Papa Francesco

In una conferenza stampa lunedì 6 dicembre, Papa Francesco ha definito un "atto dittatoriale" la guida interna della Commissione europea che propone di v...
07.12.2021
Mondo

Nuove misure anticovid, "svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri"

Le misure anti-covid decise venerdì dal Consiglio federale sono "discriminanti" nei confronti dei cittadini svizzeri rispetto ai lavoratori frontalieri, ...
05.12.2021
Svizzera

Il Consiglio nazionale vota per i test gratuiti e la pubblicazione dei contratti con i produttori di vaccini

Il Consiglio nazionale ha approvato giovedì con 144 voti contro 43, nel quadro della legge Covid-19, una disposizione che mira all'assunzione da parte della Co...
02.12.2021
Svizzera

Bocciato il raddoppio del contributo di coesione all'UE

Berna non raddoppierà il suo contributo all'Unione europea, come aveva chiesto la commissione di politica estera del Consiglio nazionale (CPE-N). Il Consiglio ...
01.12.2021
Svizzera