Ticino, 20 novembre 2020

"I fucili, a terra, erano due"

Due fucili, non uno solo. Erano posati a terra all'entrata della palazzina di via Beltramina a Lugano, teatro degli spari e dell'arresto di un inquilino, accusato ora di esposizione a pericolo della vita altrui e infrazione alla Legge federale sulle armi.

A parlare, a tio.ch, è un altro inquilino. Chi vive nel caseggiato non sa molto, nessuno si sbottona sulle motivazione che possono aver spinto il 50enne a esplodere più colpi, all'interno e all'esterno della palazzina. Sono stati comunque diversi gli spari. 

Molta la Polizia presente, è arrivata anche la scientifica, mentre gli inquilini per un po' non potevano uscire di casa. 

Guarda anche 

Rubens per l'Avvento e altre news al m.a.x. museo

Care amiche e cari amici, il mese di dicembre riserva tante piacevoli sorprese a tutti gli amanti dell'arte e della cultura! Fra gli eventi collaterali alla...
02.12.2020
Ticino

Lite a Bellinzona, due uomini in fuga

Il Ministero pubblico e la Polizia cantonale comunicano che oggi poco prima delle 8 vi è stata una lite in un appartamento di uno stabile in Piazza del Sole a Bell...
02.12.2020
Ticino

Coronavirus in Ticino: la situazione attuale

Il sito del Cantone ha appena fornito l’aggiornamento odierno dei dati sull’emergenza Coronavirus. Alle 8:00 di oggi, mercoledì 2 dicembre, s...
02.12.2020
Ticino

Un nuovo volto per il Casinò Lugano

Lugano- Il mese di novembre al Casinò Lugano è stato contraddistinto dalle limitazioni legate alle normative federali e cantonali per controllare il ...
01.12.2020
Ticino