Sport, 17 novembre 2020

Secondo rapimento in 8 anni: Obodo sequestrato in Nigeria

L’ex calciatore di diverse squadre italiane è stato avvicinato da alcuni uomini armati che lo hanno costretto a salire sulla loro auto, per poi essere liberato

WARRI (Nigeria) – Due rapimenti nel breve volgere di 8 anni: dopo una carriera vissuta in Italia, con le maglie del Perugia, della Fiorentina, dell’Udinese e del Lecce, Christian Obodo, ora veste la casacca dell’Apollon Smyrnis, ma è stato nuovamente sequestrato in Nigeria, nei pressi di Wari.

Nuovamente, appunto, perché già nel 2012 era stato rapito ed era stato liberato il giorno dopo in seguito al pagamento di un riscatto pari a 149'000 Euro.

Questa volta il centrocampista è stato avvicinato
da degli uomini armati, mentre era al volante della sua auto, in compagnia della compagna, che lo hanno costretto a salire sulla loro auto, chiudendolo nel bagagliaio. Obodo è stato poi immediatamente rilasciato: "Sono stato chiuso per quattro ore nel bagagliaio di una macchina, al caldo - ha detto - I rapitori mi hanno detto anche di aver perso dei soldi scommettendo sulle partite della nazionale nigeriana. Non mi hanno fatto male, nè minacciato, ma non capisco perché qualcuno voglia sempre farmi vivere situazioni del genere"

Guarda anche 

A Cornaredo sbarca Demba Ba!

LUGANO - Clamoroso colpo di mercato per l'FC Lugano che si è assicurato l'attaccante Demba Ba. Il 36enne in carriera ha giocato anche in Inghilterra e nell...
18.06.2021
Sport

Sequestrata una bici elettrica che va a oltre 100 km/h

La polizia argoviese ha sequestrato una bicicletta elettrica capace di superare i 100 chilometri orari. A “truccarla”, come si legge sulla Aargauer Zeitung...
18.06.2021
Svizzera

Eriksen sarà operato al cuore!

COPENAGHEN (Danimarca) – Christian Eriksen verrà operato al cuore. Al centrocampista offensivo della Danimarca verrà impiantato un defibrillatore card...
17.06.2021
Sport

Italia-Svizzera e quella bomba disinnescata vicino allo Stadio Olimpico

ROMA (Italia) – Ieri sera, ahinoi, il campo ha parlato e ha emesso il suo verdetto chiaro ed inequivocabile: l’Italia è troppo forte al momento per que...
17.06.2021
Sport