Sport, 10 novembre 2020

Lugano, 2 settimane da sogno per restare con i piedi per terra

La leadership della classifica di Super League deve essere un monito per i ragazzi di Jacobacci per continuare a lavorare per migliorare sulle solite mancanze

LUGANO – Lugano e YB in vetta alla classifica, a braccetto, con 12 punti in 6 partite. Ma con una differenza reti, data dal maggior numero di gol realizzati, che premia i bianconeri che, per le prossimi due settimane, guarderanno tutti dall’alto in basso. Se qualcuno ce lo avesse detto anche solo all’inizio di questa travagliata e condizionata stagione, lo avremmo preso per pazzo… e invece…

E invece questo Lugano di mister Jacobacci, magari non bellissimo da vedere sempre e non spumeggiante su tutto l’arco dei 90’, sta mostrando una tenacia, una testa e una grinta davvero fuori dal comune. Insomma: il primo posto è meritato. Tenendo anche conto dei difficili momenti che si sono vissuti in questo ultimo mese dalle parti di Cornaredo, prima con l’assenza di Baumann, poi con i casi di Covid che hanno scosso tutto l’ambiente, tenendo presente la situazione relativa al presidente Renzetti, e le assenze di Bottani e Sabbatini su tutti.

Eppure i bianconeri si sono compattati, hanno scoperto in Lovric il vero fulcro del centrocampo e del gioco, hanno ritrovato un Lavanchy capace di correre come un forsennato per 90’, hanno riabbracciato una difesa quadrata e guidata da un portiere che negli ultimi 2 anni è cresciuto in maniera esponenziale. Certo, forse manca il classico stoccatore dell’area di rigore, ma questo è un problema ormai cronico con il quale la squadra sembra aver “fatto pace”, trovando altre alternative.

È chiaro che stare lì in alto non può che fare piacere e può darti un grande stimolo. Ti può permettere di andare oltre le difficoltà, ai dolorini muscolari e ai tuoi limiti, ma dall’altra parte può darti alla testa e può farti credere che tutto ti risulti facile. È proprio questo che dovranno evitare i ragazzi di Jacobacci da qui in poi: per farlo dovranno sfruttare questa pausa per le nazionali, lavorando ancor più duramente e in maniera precisa, specialmente su quelle lacune che ancora oggi si vedono. Anche perché la buona sorte può abbandonarti da un momento all’altro e quindi ci sarà la necessità di concedere il meno possibile agli avversari e di sfruttare ogni minima occasione in fase offensiva. Lavoro, lavoro e lavoro… ma siamo sicuri che con Jacobacci, questa parola non passerà inosservata…

Guarda anche 

VIDEO – Maradona e il pazzesco allenamento “ballato” del 1989

LUGANO – Sono passate meno di 24 ore ma ancora tutti facciamo fatica a crederci e a digerire la notizia. La morte di Diego Armando Maradona ci sembra un fardello tr...
26.11.2020
Sport

Il mondo piange Diego, il D10S del calcio

BUENOS AIRES (Argentina) – In questo anno tragico, assurdo, inimmaginabile, in un anno che sta segnando le nostre vite, il 25 novembre 2020 difficilmente sarà...
26.11.2020
Sport

Zlatan esagerato. La sua Top-11: tutti Ibra, allenatore compreso

MILANO (Italia) – Sarà costretto ai box per qualche settimana, dopo il problema muscolare avuto domenica sera al San Paolo di Napoli, dove, per la cronaca, h...
27.11.2020
Sport

Tra nazionali e quarantene, il Lugano si incarta a Ginevra

GINEVRA – Avevamo lasciato il Lugano 2 settimane fa clamorosamente in vetta alla classifica. Una posizione alla quale i bianconeri, ovviamente, non sono abituati ma...
23.11.2020
Sport