Svizzera, 08 novembre 2020

La moglie denuncia un matrimonio di comodo, si ritrova senza passaporto e dovrà lasciare la Svizzera

Un camerunense arrivato in Svizzera undici anni fa per entrare all'Università si ritrova apolide. Dopo essersi sposato nel 2016, ha ottenuto il passaporto svizzero. Ma due anni dopo, nel 2018, in seguito a una denuncia della moglie, è stato condannato penalmente per aver contratto un matrimonio di comodo per poter rimanere in Svizzera dopo la scadenza del permesso di studio.

Quest'anno il Consiglio di Stato ginevrino ha annullato la sua naturalizzazione e i tribunali hanno confermato questa decisione con una sentenza pronunciata in autunno.

Per i giudici, l'uomo deve sopportare le conseguenze della perdita della nazionalità svizzera. "Proponendo un matrimonio a pagamento, annunciando all'Ufficio cantonale della popolazione e della migrazione (OCPM) il suo imminente matrimonio e fingendo una vita in comunione con la signora C., ha chiaramente adottato un comportamento sleale e fuorviante", scrive il Tribunale amministrativo. Ha consapevolmente fornito informazioni false all'OCPM, violando così il dovere di informazione a cui era chiamato a conformarsi".

Durante
il procedimento, il camerunense ha cercato di convincere i giudici che si trattava di un matrimonio d'amore, che non aveva mai pagato alla moglie alcun compenso per un'unione fittizia e che il denaro versato alla consorte, in particolare 9000 franchi, erano un contributo al mantenimento della famiglia. "In seguito al matrimonio con la signora C., il mio cliente ha ottenuto il permesso di soggiorno B", osserva il suo avvocato, il signor Noudemali Romuald Zannou. Grazie a questo permesso B, ha costituito il suo fascicolo di naturalizzazione ordinaria, che gli è stato concesso il 17 maggio 2017. Ottenendo la cittadinanza svizzera, ha perso la cittadinanza camerunese senza possibilità di reintegrazione secondo una sentenza camerunese del 26 giugno 2020".

Una decisione che è stata confermata dal tribunale in una sentenza emessa quest'autunno, ha riportato sabato il "Tribune de Genève". Avendo perso il passaporto camerunese in estate, paese che non ammette la doppia nazionalità, l'uomo è attualmente un apolide e dovrà lasciare la Svizzera.

Guarda anche 

Espulso per debiti, se la prende con la Posta

In assistenza e oberato dai debiti, un cittadino congolese deve lasciare il Ticino, dove vive dal 2009. Anche il Tribunale amministrativo cantonale (TRAM) ha in sostanza ...
05.03.2021
Ticino

Donna di Locarno incassa 140'000 franchi per un matrimonio fittizio

Una 51enne serba, residente da tempo nel Locarnese, è stata condannata ieri a 12 mesi di carcere (sospesi con la condizionale) e all’espulsione dalla Svizzer...
04.03.2021
Ticino

Condannato ed espulso per l'accoltellamento all'Aldi di Pregassona

È stato condannato a 6 anni di carcere e a 10 anni di espulsione dalla Svizzera, il 38enne iracheno che lo scorso 20 luglio accoltellò un connazionale in pi...
24.02.2021
Ticino

Condannato il richiedente l'asilo che diede fuoco al centro asilanti

È stato condannato a cinque anni e mezzo di detenzione, il 38enne di nazionalità turca che nell’aprile 2019 diede fuoco al centro per richiedenti l&rs...
24.02.2021
Svizzera