Svizzera, 08 novembre 2020

La moglie denuncia un matrimonio di comodo, si ritrova senza passaporto e dovrà lasciare la Svizzera

Un camerunense arrivato in Svizzera undici anni fa per entrare all'Università si ritrova apolide. Dopo essersi sposato nel 2016, ha ottenuto il passaporto svizzero. Ma due anni dopo, nel 2018, in seguito a una denuncia della moglie, è stato condannato penalmente per aver contratto un matrimonio di comodo per poter rimanere in Svizzera dopo la scadenza del permesso di studio.

Quest'anno il Consiglio di Stato ginevrino ha annullato la sua naturalizzazione e i tribunali hanno confermato questa decisione con una sentenza pronunciata in autunno.

Per i giudici, l'uomo deve sopportare le conseguenze della perdita della nazionalità svizzera. "Proponendo un matrimonio a pagamento, annunciando all'Ufficio cantonale della popolazione e della migrazione (OCPM) il suo imminente matrimonio e fingendo una vita in comunione con la signora C., ha chiaramente adottato un comportamento sleale e fuorviante", scrive il Tribunale amministrativo. Ha consapevolmente fornito informazioni false all'OCPM, violando così il dovere di informazione a cui era chiamato a conformarsi".

Durante il procedimento, il camerunense ha cercato di convincere i giudici che si trattava di un matrimonio d'amore, che non aveva mai pagato alla moglie alcun compenso per un'unione fittizia e che il denaro versato alla consorte, in particolare 9000 franchi, erano un contributo al mantenimento della famiglia. "In seguito al matrimonio con la signora C., il mio cliente ha ottenuto il permesso di soggiorno B", osserva il suo avvocato, il signor Noudemali Romuald Zannou. Grazie a questo permesso B, ha costituito il suo fascicolo di naturalizzazione ordinaria, che gli è stato concesso il 17 maggio 2017. Ottenendo la cittadinanza svizzera, ha perso la cittadinanza camerunese senza possibilità di reintegrazione secondo una sentenza camerunese del 26 giugno 2020".

Una decisione che è stata confermata dal tribunale in una sentenza emessa quest'autunno, ha riportato sabato il "Tribune de Genève". Avendo perso il passaporto camerunese in estate, paese che non ammette la doppia nazionalità, l'uomo è attualmente un apolide e dovrà lasciare la Svizzera.

Guarda anche 

Dopo aver passato metà della sua vita in carcere, viene nuovamente condannato per rapina

Un cinquantenne portoghese che ha passato metà della sua vita nelle carceri francesi per vari reati, sta per avere un assaggio delle prigioni svizzere. Autore di t...
02.12.2020
Svizzera

Tempestava l'ospedale e la polizia di telefonate, dovrà rimanere in carcere

Dovrà restare in carcere la telefonatrice seriale del canton Vaud. Il Tribunale federale ha respinto il ricorso della donna, arrestata nel febbraio scorso dopo che...
27.11.2020
Svizzera

Espulso dopo 21 condanne, cinque figli e mezzo milione di debiti

Avrebbe dovuto lasciare la Svizzera nel 2002, quando la sua domanda d’asilo era stata respinta. Ma non l’ha fatto. Ora però, dopo diciott’anni, c...
25.11.2020
Svizzera

Aveva rubato capre e galline per salvarli dal macello, dovrà pagare più di 10'000 franchi tra multe e risarcimenti

Aveva rubato delle galline e delle capre per salvarle dal macello. Un'attivista animalista è stata condannata giovedì a una multa di 100 aliquote giorna...
20.11.2020
Svizzera