Svizzera, 08 novembre 2020

La moglie denuncia un matrimonio di comodo, si ritrova senza passaporto e dovrà lasciare la Svizzera

Un camerunense arrivato in Svizzera undici anni fa per entrare all'Università si ritrova apolide. Dopo essersi sposato nel 2016, ha ottenuto il passaporto svizzero. Ma due anni dopo, nel 2018, in seguito a una denuncia della moglie, è stato condannato penalmente per aver contratto un matrimonio di comodo per poter rimanere in Svizzera dopo la scadenza del permesso di studio.

Quest'anno il Consiglio di Stato ginevrino ha annullato la sua naturalizzazione e i tribunali hanno confermato questa decisione con una sentenza pronunciata in autunno.

Per i giudici, l'uomo deve sopportare le conseguenze della perdita della nazionalità svizzera. "Proponendo un matrimonio a pagamento, annunciando all'Ufficio cantonale della popolazione e della migrazione (OCPM) il suo imminente matrimonio e fingendo una vita in comunione con la signora C., ha chiaramente adottato un comportamento sleale e fuorviante", scrive il Tribunale amministrativo. Ha consapevolmente fornito informazioni false all'OCPM, violando così il dovere di informazione a cui era chiamato a conformarsi".

Durante
il procedimento, il camerunense ha cercato di convincere i giudici che si trattava di un matrimonio d'amore, che non aveva mai pagato alla moglie alcun compenso per un'unione fittizia e che il denaro versato alla consorte, in particolare 9000 franchi, erano un contributo al mantenimento della famiglia. "In seguito al matrimonio con la signora C., il mio cliente ha ottenuto il permesso di soggiorno B", osserva il suo avvocato, il signor Noudemali Romuald Zannou. Grazie a questo permesso B, ha costituito il suo fascicolo di naturalizzazione ordinaria, che gli è stato concesso il 17 maggio 2017. Ottenendo la cittadinanza svizzera, ha perso la cittadinanza camerunese senza possibilità di reintegrazione secondo una sentenza camerunese del 26 giugno 2020".

Una decisione che è stata confermata dal tribunale in una sentenza emessa quest'autunno, ha riportato sabato il "Tribune de Genève". Avendo perso il passaporto camerunese in estate, paese che non ammette la doppia nazionalità, l'uomo è attualmente un apolide e dovrà lasciare la Svizzera.

Guarda anche 

Richiedente l'asilo respinto vince al Tribunale federale e chiede 60'000 franchi di risarcimento

Un richiedente l'asilo respinto ha vinto la causa contro il Canton Appenzello Esterno. Il Tribunale federale ha infatti stabilito che le autorità non hanno ris...
16.04.2024
Svizzera

Vive da sola in un appartamento sussidiato di 6 locali e il comune non può sfrattarla

In questi tempi di mancanza di alloggi c'è una persona che non ha problemi di spazio: una pensionata che abita sola a Zurigo in un appartamento di 6 locali fin...
13.04.2024
Svizzera

Condannato a 18 anni di carcere e espulsione per aver mutilato la moglie

Un cittadino brasiliano è stato condannato martedì pomeriggio a una pena detentiva di 18 anni di carcere e all'espulsione dalla Svizzera per 15 anni. I ...
20.03.2024
Svizzera

Il Consiglio degli Stati vuole espellere gli eritrei in un paese terzo

Gli eritrei che non possono essere espulsi perchè il loro paese d'origine non accetta il loro rinvio vanno rimandati verso paesi terzi. È quanto deciso ...
14.03.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto