Svizzera, 03 novembre 2020

Pochi giorni e non ci saranno più posti nelle cure intense

La curva dei contagi si è leggermente appiattita ma i reparti di cure intense purtroppo sono confrontate con un conto alla rovescia sempre più stringente, mancherebbero cinque giorni alla saturazione.

In sintesi sono i concetti espressi in conferenza stampa a Berna da Virginie Masserey dell’UFSP. Se i contagi sono un po' diminuiti, il contrario vale per ospedalizzazioni ed anche decessi (il quadro clinico solitamente peggiore in alcuni giorni, per cui chi è ricoverato ora probabilmente si è ammalato qualche giorno fa).

"Il tasso di occupazione dei letti in terapia intensiva sta aumentando molto rapidamente. Ma c’è ancora il 27% di capacità. Di questo passo, però, tra cinque giorni sarà raggiunto il limite di posti di terapia intensiva", ha detto, non escludendo che in alcuni Cantoni si possano rinviare gli interventi non necessari. 

Guarda anche 

Una famiglia di rifugiati è costata più di 1,3 milioni di franchi ad un piccolo comune zurighese

1,3 milioni di franchi in 5 anni. È il costo che un comune del canton Zurigo ha dovuto pagare per una singola coppia di rifugiati, poi diventata famiglia, arrivati...
28.11.2020
Svizzera

Come festeggiare il Natale ai tempi del Covid? I consigli dell'UFSP

Col Black Friday,  che stando al calendario sarebbe oggi ma che in realtà dura ormai da diversi giorni, inizia il periodo dedicato alle festività natal...
27.11.2020
Svizzera

Nuovi scenari economici: il terziario diventa sempre più importante

Su mandato degli Uffici federali dello sviluppo territoriale (ARE) e dell’energia (UFE) e della Segreteria di Stato dell’economia (SECO), sono stati elaborati...
27.11.2020
Svizzera

Tempestava l'ospedale e la polizia di telefonate, dovrà rimanere in carcere

Dovrà restare in carcere la telefonatrice seriale del canton Vaud. Il Tribunale federale ha respinto il ricorso della donna, arrestata nel febbraio scorso dopo che...
27.11.2020
Svizzera