Svizzera, 21 ottobre 2020

Oggi si discute di un eventuale secondo confinamento

L’idea di un “mini lockdown” prende piede in sempre più Nazioni. Dopo l’Irlanda, venerdì tocca al Galles. E la Svizzera potrebbe – condizionale d’obbligo – seguire a ruota. Secondo quanto riportato dall’edizione odierna del ‘Tagesanzeiger’, il Consiglio federale valuterà il possibile ‘confinamento’ nella sua seduta di oggi. Si parla di un lockdown generalizzato in tutto il Paese per due settimane.

A proporre l’idea al Consiglio Federale sarebbe stato Stefan Kuster, direttore della divisione malattie trasmissibili. Ma quello appena citato non è l’unico scenario che le autorità prenderanno in considerazione.

Sarebbero, infatti, almeno quattro – scrive il quotidiano – gli scenari in via di discussione nel caso in cui le misure annunciate la scorsa settimana non dovessero dare i propri frutti. L’obiettivo di un secondo ‘mini’ confinamento è quello di sospendere tutte le attività non essenziali per almeno due settimane. In questo modo, secondo gli esperti, si bloccherebbe la catena di contagio. Uno scenario che, a parere di Marcel Tanner della Task Force Covid-19 della Confederazione, “può funzionare”.

Guarda anche 

Una famiglia di rifugiati è costata più di 1,3 milioni di franchi ad un piccolo comune zurighese

1,3 milioni di franchi in 5 anni. È il costo che un comune del canton Zurigo ha dovuto pagare per una singola coppia di rifugiati, poi diventata famiglia, arrivati...
28.11.2020
Svizzera

Come festeggiare il Natale ai tempi del Covid? I consigli dell'UFSP

Col Black Friday,  che stando al calendario sarebbe oggi ma che in realtà dura ormai da diversi giorni, inizia il periodo dedicato alle festività natal...
27.11.2020
Svizzera

Nuovi scenari economici: il terziario diventa sempre più importante

Su mandato degli Uffici federali dello sviluppo territoriale (ARE) e dell’energia (UFE) e della Segreteria di Stato dell’economia (SECO), sono stati elaborati...
27.11.2020
Svizzera

Tempestava l'ospedale e la polizia di telefonate, dovrà rimanere in carcere

Dovrà restare in carcere la telefonatrice seriale del canton Vaud. Il Tribunale federale ha respinto il ricorso della donna, arrestata nel febbraio scorso dopo che...
27.11.2020
Svizzera