Svizzera, 20 ottobre 2020

Voleva uccidere il marito dell'ex-moglie, dopo tre anni di carcere dovrà lasciare la Svizzera

Il Tribunale federale ha confermato la condanna di un cittadino originario dei balcani per atti preparatori ad atti criminali. L'uomo aveva minacciato un rivale, aveva fatto degli avvistamenti e comprato un'arma per ucciderlo.

Il condannato serbava rancore nei confronti del marito della sua ex moglie. Nel luglio 2018, aveva filmato l'auto del suo futuro obiettivo davanti a casa sua. Successivamente, aveva acquistato illegalmente una pistola e delle munizioni con l'intento.

Il piano criminale si era quasi concretizzato nel novembre di quell'anno, quando l'uomo si era presentato al ristorante dove lavorava il suo rivale. Gli mostrò un caricatore di pistola carico e disse:

"Cinque proiettili per te saranno sufficienti". In seguito si era presentato nuovamente al ristorante altre due volte ma il suo obiettivo era assente.

I due si erano poi messi d'accordo per telefono per incontrarsi con l'aspirante killer che aveva promesso all'altro che gli avrebbe "spiegato come vanno le cose nei Balcani". All'incontro la polizia ha infine fermato l'uomo condannato, il quale al
momento dell'arresto portava una pistola carica nella giacca.

Nel febbraio 2020 il tribunale del canton Vaud lo ha ritenuto colpevole di minacce, atti criminali preparatori, violazioni della legge sulle armi e della legge sugli stranieri. È stato condannato a tre anni di reclusione, all'espulsione dal territorio svizzero per 12 anni e al risarcimento dei danni morali per 16'000 franchi. Il suo rivale, a causa della vicenda, soffre di un disturbo da stress post-traumatico.

Con una sentenza pubblicata lunedì, il Tribunale federale ha respinto il ricorso del condannato sottolineando come il condannato aveva effettivamente adottato misure concrete per mettere in pratica uno o più atti criminali. In questo caso specifico, l'acquisto di una pistola e di munizione e la sorveglianza del ristorante del suo rivale sono stati giudicati come tali. Inoltre, le minacce e il fatto di essersi recato all'incontro hanno convinto i giudici che l'uomo stesse effettivamente per uccidere il suo obiettivo e che solo l'intervento della polizia ha evitato che il condannato dovesse rispondere di un reato ancora più grave.


Guarda anche 

Spaccio di droga: espulsi un 54enne, i suoi due figli e suo genero

Il giudice l’ha definita “una piccola azienda famigliare” dedita allo spaccio di droga. Un 54enne italiano, i suoi due figli e il suo genero sono stati ...
19.06.2021
Svizzera

Condannati in 16 a Berna per aver occupato un edificio

Bettina Bochsler, giudice unica del tribunale regionale di Berna-Mittelland, ha condannato oggi 16 persone che nel 2017 occuparono un edificio sulla Effingerstrasse. I 16...
17.06.2021
Svizzera

L'ONU interviene per "Carlos", che però viene condannato comunque

Avrà il tempo di distruggere ancora parecchie celle, il delinquente di origini brasiliane noto come “Carlos”, sebbene si chiami Brian. Ieri si apprende...
17.06.2021
Svizzera

Lugano: due italiani condannati ed espulsi per “la più grande truffa ai crediti Covid”

Un imprenditore e un dentista, entrambi cittadini italiani, sono stati condannati ieri dalla Corte delle assise criminali di Lugano per quella che è stata definita...
17.06.2021
Ticino