Svizzera, 15 ottobre 2020

Le avevano tolto il passaporto svizzero ma le concedono il permesso di soggiorno

Il Tribunale amministrativo federale concesso un permesso di soggiorno a una donna di origine svizzera e a sua figlia, nonostante che la madre non avesse più il passaporto svizzero (vedi articoli correlati). Nata in Svizzera, aveva perso il passaporto rosso con la croce bianca in seguito al matrimonio con un cittadino belga.

Dopo questo matrimonio, la madre avrebbe dovuto, secondo la legislazione dell'epoca, dichiarare espressamente di voler mantenere la sua nazionalità originaria. Non avendolo fatto, le è quindi stata tolta la nazionalità svizzera.

La madre era tornata in Svizzera con la figlia di 7 anni nel 2015 e aveva ottenuto un permesso di soggiorno per i cittadini UE/AELS ai sensi della libera circolazione delle persone. Tuttavia nel 2018 il rinnovo di questo permesso le era stato rifiutato nel 2018 dal momento che la donna non aveva un impiego e sia lei che la figlia dipendevano dall'assistenza sociale.

Il Tribunale amministrativo federale (TAF) ha confermato questa decisione nel 2019, tuttavia il Tribunale federale ha dato una nuova possibilità alle due donne all'inizio del 2020.

Osservando che l'istanza precedente non aveva esaminato tutti gli aspetti del caso o non aveva tenuto conto degli sviluppi recenti. La madre nel frattempo aveva trovato un impiego a metà tempo e stava per ottenere il pensionamento anticipato mentre la figlia era in formazione e aveva quindi annullato la sentenza e rinviato il caso alla TAF.

In una sentenza pubblicata mercoledì, i giudici di San Gallo hanno infine rivisto il loro esame. Come i loro colleghi del Tribunale federale, l'esame supplementare richiesto da Mon Repos ha dimostrato che la madre era impiegata al 48%, con uno stipendio di quasi 2'000 franchi, e che aveva ricevuto una decisione favorevole per la sua rendita ponte. Queste circostanze sono a favore della qualifica di lavoratore ai sensi dell'accordo sulla libera circolazione delle persone e quindi della concessione di un permesso di soggiorno.

Per quanto riguarda la figlia, anche lei può anche beneficiare di un permesso di soggiorno come membro della famiglia e come persona a carico in formazione.

Guarda anche 

Espulso dopo aver incassato 261'690 franchi di aiuti sociali

Un cittadino francese che durante gli ultimi dieci anni non ha né lavorato né cercato lavoro dovrà lasciare la Svizzera, insieme alla compagna algeri...
28.10.2020
Ticino

Giovane musulmana rasata a zero per una relazione con un cristiano, i famigliari andranno in carcere

I genitori, lo zio e la zia della giovane ragazza musulmana picchiata e rasata a zero perché usciva con un giovane cristiano serbo (vedi articoli correlati), sono ...
24.10.2020
Mondo

Voleva uccidere il marito dell'ex-moglie, dopo tre anni di carcere dovrà lasciare la Svizzera

Il Tribunale federale ha confermato la condanna di un cittadino originario dei balcani per atti preparatori ad atti criminali. L'uomo aveva minacciato un rivale, avev...
20.10.2020
Svizzera

A 21 anni già due tentativi di omicidio, condannata a 9 anni di carcere e espulsa per 10 anni

A 21 anni ha già alle spalle due tentativi di omicidio e per questo dovrà passare 9 anni in carcere e poi espulsa verso il suo paese d'origine. Una cond...
17.10.2020
Svizzera