Ticino, 22 settembre 2020

Nascose il fratello dopo l'omicidio, licenziato dall'amministrazione cantonale

È definitivo il licenziamento dall’amministrazione cantonale di un 38enne svizzero kosovaro domiciliato a Monte Carasso, fratello di uno dei cinque condannati per l’omicidio avvenuto in via Odescalchi a Chiasso nel 2015.
 
Il ricorso dell’uomo, che lavorava per il Cantone come funzionario amministrativo dal 2010, è infatti stato respinto dal Tribunale federale con sentenza pubblicata oggi.
 
Il 38enne, ricordiamo, era già stato condannato per favoreggiamento in relazione ai fatti di via Odescalchi. Dopo la sparatoria nella quale aveva perso la vita un 35enne portoghese, egli aveva infatti aiutato il fratello in fuga a nascondersi. Gli aveva consegnato il proprio telefonino e le chiavi dell’appartamento della sua ragazza a Lugano, favorendone la latitanza. Per questo era stato condannato a una pena pecuniaria di 70 aliquote giornaliere e una multa di 500 franchi.

Il fratello minore era in ogni caso stato arrestato e in seguito condannato a 7 anni.

Durante il processo era inoltre emerso che già nel 2007 il 38enne svizzero kosovaro aveva cercato di difendere il fratello minore dichiarandosi colpevole al posto suo di un incidente. Anche in quell’occasione era stato condannato per favoreggiamento.

Il licenziamento dall’Amministrazione cantonale risale invece al gennaio 2019, dopo che nell’anno precedente era emersa “una serie di comportamenti inadeguati, potenzialmente qualificabili come violazione dei doveri di servizio e atti a compromettere il necessario rapporto di fiducia con l'amministrazione cantonale”. A seguito della sua condanna erano infatti sorti “dei gravi conflitti” nell’ambiente lavorativo ed egli si era macchiato di “reazioni inappropriate”.

Egli si era opposto al licenziamento ricorrendo dapprima al Consiglio di Stato, poi al Tribunale amministrativo cantonale e infine al Tribunale federale. Ma anche i giudici di Losanna hanno ritenuto che il licenziamento fosse giustificato. Il ricorso è dunque stato respinto e le spese giudiziarie di 3mila franchi poste a carico del 38enne.


Guarda anche 

In tre abusano di una minorenne, un'espulsione e due condanne sospese

Tre uomini, due macedoni del nord e un kosovaro, residenti nel canton San Gallo sono comparsi lunedì in tribunale. I tre erano accusati di vari reati, il più...
14.01.2022
Svizzera

Rompe tre costole al figlio neonato perchè piangeva troppo forte

Un padre di 30 anni è comparso mercoledì davanti al tribunale distrettuale di Winterthur (ZH) per aver picchiato il figlio appena nato. Una sera, quando ...
14.01.2022
Svizzera

Espulsione Djokovic: il Ministro non deciderà oggi

MELBOURNE (Australia) – Liberato questa mattina dal giudice Kelly, in realtà Novak Djokovic non sa ancora se potrà partecipare agli Australian Open o ...
10.01.2022
Sport

Djokovic vince la causa: resta e Melbourne e mette nel mirino gli Australian Open

MELBOURNE - È successo esattamente il contrario di quanto era immaginabile e ipotizzabile: insomma una decisione che, consultando i commenti sul web, risulta ai pi...
10.01.2022
Sport