Svizzera, 17 settembre 2020

L'accoltellamento di Morges era un attentato terroristico, "vendetta contro lo Stato svizzero"

L'autore presunto dell'accoltellamento di Morges (vedi articoli correlati) era sotto osservazione dalla polizia federale per possibili legami con il terrorismo islamista. L'uomo, un ventisettenne turco naturalizzato svizzero, era stato rilasciato dal carcere lo scorso luglio.

Era stato arrestato e posto in custodia cautelare nell'aprile 2019 a seguito di un attentato incendiario in un distributore di benzina a Prilly (VD). È stato nel corso di questo caso che gli inquirenti vodesi si sono imbattuti in "indizi di possibili collegamenti jihadisti", ha scritto mercoledì il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) in un comunicato.

Il MPC ha aggiunto che l'individuo era già nel mirino dei servizi d'informazione elvetici dal 2017, "a causa del consumo e della diffusione
di propaganda jihadista".

Secondo la RTS, che cita una fonte vicina all'indagine, l'imputato avrebbe confessato di aver agito in nome del jihadismo, in particolare "per vendetta contro lo Stato svizzero". Dopo diversi mesi di detenzione preventiva in seguito all'incendio di Prilly, il sospetto era stato rilasciato lo scorso luglio dal tribunale di detenzione. La Procura vodese spiega di aver fatto affidamento su una perizia psichiatrica per richiedere questo rilascio.

Il rilascio era tuttavia soggetto a una serie di condizioni: coprifuoco notturno, obbligo di presentarsi in polizia e divieto di detenere armi. Fino a sabato sera,le autorità non erano stato informate di alcuna violazione "che avrebbe giustificato un'ulteriore detenzione", si legge nel il comunicato.

Guarda anche 

Ecco i tre vincitori dello “Swiss Stop Islamization Award 2021”

Lo scopo dello Swiss Stop Islamization Award, un premio nazionale organizzato dal 2018 dal movimento politico “Il Guastafeste” di Giorgio Ghiringhelli di rico...
28.05.2021
Svizzera

Aveva congelato e murato il corpo della moglie per incassare la sua pensione, se la cava con una condanna sospesa

Aveva dapprima congelato e poi murato il corpo della moglie, ma non andrà in carcere in quanto non è stato possibile accertare le cause della morteé ...
26.05.2021
Svizzera

Ecco la prima consigliera comunale con il velo islamico

Martedì prossimo per la prima volta nel canton Ginevra una consigliera comunale parteciperà a una seduta indossando il velo islamico. “Sono una cit...
15.05.2021
Svizzera

Polemica alla caserma di Kloten: "Congedo per i musulmani, 30 km di marcia per tutti gli altri"

Migliaia di giovani termineranno la loro scuola reclute il prossimo 21 maggio. Anche alla caserma di Kloten, dove la conclusione di questa fase si sta svolgendo nel segno...
12.05.2021
Svizzera