Svizzera, 17 settembre 2020

L'accoltellamento di Morges era un attentato terroristico, "vendetta contro lo Stato svizzero"

L'autore presunto dell'accoltellamento di Morges (vedi articoli correlati) era sotto osservazione dalla polizia federale per possibili legami con il terrorismo islamista. L'uomo, un ventisettenne turco naturalizzato svizzero, era stato rilasciato dal carcere lo scorso luglio.

Era stato arrestato e posto in custodia cautelare nell'aprile 2019 a seguito di un attentato incendiario in un distributore di benzina a Prilly (VD). È stato nel corso di questo caso che gli inquirenti vodesi si sono imbattuti in "indizi di possibili collegamenti jihadisti", ha scritto mercoledì il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) in un comunicato.

Il MPC ha aggiunto che l'individuo era già nel mirino dei servizi d'informazione elvetici dal 2017, "a causa del consumo e della diffusione
di propaganda jihadista".

Secondo la RTS, che cita una fonte vicina all'indagine, l'imputato avrebbe confessato di aver agito in nome del jihadismo, in particolare "per vendetta contro lo Stato svizzero". Dopo diversi mesi di detenzione preventiva in seguito all'incendio di Prilly, il sospetto era stato rilasciato lo scorso luglio dal tribunale di detenzione. La Procura vodese spiega di aver fatto affidamento su una perizia psichiatrica per richiedere questo rilascio.

Il rilascio era tuttavia soggetto a una serie di condizioni: coprifuoco notturno, obbligo di presentarsi in polizia e divieto di detenere armi. Fino a sabato sera,le autorità non erano stato informate di alcuna violazione "che avrebbe giustificato un'ulteriore detenzione", si legge nel il comunicato.

Guarda anche 

Una madre a processo per l'omicidio delle due figlie

Una quarantenne rischia l'ergastolo per aver accoltellato le figlie nel gennaio 2021. Per il Ministero pubblico la donna ha commesso questo atto per vendicarsi del pa...
11.04.2024
Svizzera

Costrette a togliere il velo dopo l’arresto, musulmane risarcite

La città di New York ha accettato di pagare 17,5 milioni di dollari per risolvere una causa intentata da due donne musulmane che sostenevano che la polizia aveva v...
09.04.2024
Mondo

Per protestare contro il lupo, depongono le pecore uccise davanti alla sede del Governo

"Siamo stufi, vogliamo che il lupo venga ucciso", racconta un macellaio di Oulens, nel canton Vaud. “Non possiamo vivere insieme, il nostro territorio &eg...
07.04.2024
Svizzera

Tentano di rubargli l’auto e poi lo freddano: muore il 24enne difensore Luke Fleurs

JOHANNESBURG (Sudafrica) – Quel sogno di ripercorrere la carriera del suo idolo, Charles Puyol, resterà solo un sogno spezzato in una stazione di servizio al...
05.04.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto