Mondo, 14 settembre 2020

Investe e uccide la sorella perché aveva una relazione con un trans

Maria Paola Gaglione, 20enne di Acerra (Napoli), è morta in seguito a un grave incidente stradale. Sedeva dietro al suo ragazzo, un coetaneo transessuale, in sella al motorino che percorreva via degli Etruschi. A rendere ancora più drammatica la vicenda è che a speronare il mezzo sul quale si trovava la ragazza sarebbe stato il fratello maggiore Michele, ora agli arresti domiciliari con l’accusa di omicidio preterintenzionale.

La famiglia di lei non avrebbe accettato il fatto che la giovane convivesse e avesse una relazione con un transessuale. Sarebbe questo il motivo dietro allo speronamento avvenuto ieri. Un gesto rivelatosi fatale, dietro al quale stanno cercando di indagare i Carabinieri di Castello di Cisterna.

La madre del ragazzo trans
– ricoverato in ospedale – si è sfogata sui social lasciando intendere che la coppia fosse già stata minacciata e tormentata in passato. Righe piene di rabbia, concluse con l’augurio che “Paola possa riposare in pace. Non si può negare una vita per la felicità di due persone”.

Più “leggera” la versione dei fatti della famiglia della ragazza che sostiene che “Michele era uscito per convincere Paola a rientrare a casa, ma non l’ha speronata. È stato un incidente”. Il parrocco del paese chiede di “non dipingere la vicenda come una storia di omofobia. È vero – conclude –, la famiglia non vedeva di buon occhio la relazione, ma la stava accettando”.

Guarda anche 

Mondo

Referendum ed elezioni regionali in Italia, stravince il sì mentre pareggiano centrodestra e centrosinistra

Gli italiani hanno plebiscitato il referendum costituzionale approvando con quasi il 70% di "sì" la modifica costituzionale che riduce il numero di parla...
22.09.2020
Mondo

Plebiscito per Zaia

Il Veneto rimane in mano a Zaia Gli exit pool e le prime proiezioni non hanno dubbi: Luca Zaia verrebbe confermato Governatore della regione con addirittura più de...
21.09.2020
Mondo

Storie di gelosia, "mi ha picchiato per quaranta minuti"

È una storia orribile quella che arriva da Daventry, nel Northamptonshire (Inghilterra), dove una 39enne brittanica di nome Katrina Pidden è stata violentem...
21.09.2020
Mondo